Passa ai contenuti principali

Mad Max - Oltre la sfera del tuono

                                                                  Speciale Exploitation
E torna lo speciale sul cinema d'exploitation, con il terzo capitolo della saga di Mad Max, il quarto l'ho recensito anni fa, e si dice che dovrebbe uscire anche in quinto capitolo, io intanto sono qui in attesa e vi parlo del terzo.
Terzo capitolo che si preannuncia ricco di scene d'azione, inseguimenti e combattimenti, con una guest star d'eccezione la mitica Tina Turner.
Voi credete che interpreta un personaggio buono? E qui che vi sbagliate, qui lei è una vera e propria antagonista del nostro eroe, che si trova costretto a combattere dopo aver rischiato la pelle perchè ha rifiutato di  uccidere l'uomo con cui ha combattuto nella zona tunderdome.

Mad Max Oltre la sfera del tuono è un terzo capitolo che non sfigura affatto insieme agli altri due, anzi, certamente non tocca le vette del capolavoro, devo dire che film del genere ormai sono più unici che rari, quarto capitolo a parte, che non è male, però rispetto a questo è un gradino sotto per quanto riguarda la qualità.
Menomale che, per questa saga a dirigere il tutto è sempre stato George Miller, ma con questo terzo capitolo del franchise, si fa dare una mano da un altro regista George Ogilvie, ma il risultato qualitativo non cambia.
In questo c'è più azione, più scontri, ma anche contenuti, la narrazione e lo stile scorrono via facilmente che nemmeno ti accorgi della durata del film.
Prima volta per me che mi accingo a vedere questo franchise, anche se devo dire che ho cominciato con il quarto, ho finalmente recuperato i primi tre della saga.
I primi due sono insuperabili, autentici cult movie, che raggiungono vette altissime, e toccano il capolavoro, questo è un gradino sotto ma non importa, la produzione è della warner bros, e si vede che hanno speso più soldi rispetto ai primi due film della saga.
Mel Gibson, quando era giovane e prima che si facesse prendere dai deliri religiosi, era un attore cazzuto, e devo dire che  il ruolo di Mad Max sembra essergli cucito addosso, e devo confessare una certa ammirazione per la sua  personalizzazione del personaggio.
A parte questo credo che il vecchio Mel, abbia fatto coi registi un grande lavoro di improvvisazione, ci sono certe scene talmente naturali che non sembrano state scritte apposta nel copione.
Questo è sia un pregio che un difetto del film.
Se in un primo momento si ammira questa improvvisazione, e non solo di Gibson, ma anche di tutto il cast, per un altro punto di vista, si nota una certa approssimazione nella storia, che se sviluppata alla grande avremmo gridato a un terzo capolavoro.
Basta non voglio cercare il pelo nell'uovo, non sarebbe neanche corretto, in quanto questo è un film che spacca alla grande, diverte e coinvolge.
No, non è il classico film pane e salame decantato dall'amico Ford, uno di quelli tamarri da vedere con una birra e un pacchetto di popcorn in mano, o meglio potremmo anche vederlo, non cambierebbe niente in quanto il divertimento è ingigantito perchè è un signor film.
Vi sembra poco? Vi sembra scontato?
Comunque sia si nota una certa cura nella regia, anche se è a 4 mani, io sostengo che se il progetto fosse stato lasciato in mano solo a George Miller, avremmo avuto un altro capolavoro del genere, ma va bene lo stesso.
La trama si differenzia tra questo e i primi due, qui non ci sono soltanto gangs di motociclisti, oppure bande di gente che deve lottare per sopravvivere, qui ci troviamo di fronte a una regina che ha il controllo delle risorse per sopravvivere, sta a Mad Max capire come combatterla e sconfiggerla.
Ce la farà?
Sapete che non spoilero mai, non vado mai - a parte qualche eccezione ovvio -  contro la mia politica, e non intendo cominciare con questo film.
In conclusione, consigliatissimo.
Voto: 8 e 1/2

  

Commenti

  1. Il più hollywoodiano del trio originale, sicuramente quello più commerciale e meno "cattivo", ma altrettanto bello^^

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.