Passa ai contenuti principali

A United Kingdom

Oggi tocca al film A United Kingdom venire recensito.
E' la storia dell'amore interraziale di re Sereste e di Ruth Williams, che si innamorano in inghilterra, ma vengono osteggiati sia nella terra di Ruth, e, dopo il matrimonio quando si trasferiscono in africa.
Qui è Ruth che deve conquistarsi il popolo, che è ostile ad una bianca, quindi si decide dell'esilio di Sereste e alla separazione dei due sposi.
Il loro amore è fin troppo grande per poter stare separati, e la gente comincia ad affezionarsi a Ruth, riusciranno i nostri innamorati a coronare il loro amore e regnare?

Il film parte bene e dal trailer mi sembrava avvincente, così ho deciso di vederlo, una volta cominciato però devo rendermene conto che non  è che sia una grandissima opera cinematografica.
Il film avanza a rilento, con scene abbastanza superflue che certamente non coinvolgono maggiormente il pubblico.
Peccato perchè questo film aveva tutte le carte in tavola per essere un grande film.
Niente da dire per la reciazione degli attori, ma la regia è soltanto un emerito esercizio di stile, senza un anima che ne appesantisce i contenuti.
Se da un lato abbiamo una storia d'amore difficile e particolare, dal potenziale a dir poco esplosivo, la regista forse non sa esprimere a dovere questa esplosività, e invece di esplodere, il film implode su se stesso, generando perplessità e anche un po' di noia.
Peccato, peccato davvero perchè dal trailer sembrava davvero un titolo imperdibile, e io volevo vederlo, anzi non vedevo l'ora di vederlo.
Durante la visione, però mi sono dovuta ricredere, perchè decisamente è un film che promette e non mantiene, cioè, ci sono alcune scene del trailer, ma evidentemente non sono tutte.
E' logico che uno spettatore che si aspetta un coinvolgimento totale in un film del genere ne rimane insoddisfatto, anche perchè è fin troppo romanzato e troppo smielato per poter far colpo sugli spettatori.
Ed è un vero peccato perchè utilizzare due attori come David Oyelowo e Rosamund Pike per un polpettone del genere, si perchè di un polpettone si tratta.
Perchè? Perchè è costruito, finto, non c'è niente di naturale in questo film, peccato anche per gli attori protagonisti, che sembrano figure ingessate pronte a recitare meccanicamente i ruoli assegnati a loro.
Per non parlare della regia, fin troppo superficiale e artificiosa.
Una delusione che certamente non ha soddisfatto le mie aspettative, dopo la visione del trailer, eh si, a volte traggono in inganno e devo stare attenta a visionarli, magari cercando qualche notiziuola sul film prima di addentrarmi nella visione.
Lo farò sicuramente.
Sicuramente l'amico Ford lo avrà bottigliato, devo controllare nel suo blog, io comunque le bottigliate gliele darei, alla fabbrica le bottigliate? Nooo, non sia mai hahaha...comunque si, ecco le mie bottigliate, per la prima volta alla fabbrica, per vostra gioia e sollucchero, ecco le mie bottigliate ^^.

Scusa Ford, non volevo copiarti, ma soltanto citarti perchè il film mi ha delusa tanto. xD.
Comunque il mio voto è: 5

 

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.