Passa ai contenuti principali

Fargo - Stagione 1

Ok, da amante del cinema dei fratelli Coen, potevo perdermi questa serie tv tratta da un loro film? Assolutamente no.
Cominciamo col dire che questa E' una signora serie tv, fatta talmente bene che durante la visione sembra di guardare un film, non un semplice telefilm.
Daltronde Lynch lo ha insegnato bene con Twin Peaks, e sta facendo anche adesso con la terza stagione di cui prossimamente parlerò.
Di cosa parla Fargo?
Voi magari crederete che sia un reboot, o che riprende per filo e per segno la storia del film, o anche che ne sia il seguito, nulla di tutto ciò.
La serie è antologica e come tale va presa, ho letto in giro che per ogni stagione ci sia una storia diversa, bene, adoro le serie antologiche, come ad esempio AHS, che prossimamente vedrò di seguito la quinta e la sesta stagione.
La prima stagione di Fargo, narra la storia di un timido assicuratore, in perfetto stile Coen of course, che Noah Hawley ha ricreato alla perfezione, non a caso i fratellini sono produttori esecutivi dello show.
Show in cui hanno saputo ricreare lo stile e le atmosfere del film, con attori con i controca**i per i personaggi, vi faccio soltanto qualche nome: Keith Carradine, Colin Hanks, Billy Bob Thornton, tanto per citarne alcuni.
La storia è incentrata come ho detto prima sulla figura di un timido assicuratore, sia i colleghi, che i familiari lo prendono in giro, un giorno la sua vita cambia e conosce uno spietato killer, che, dopo l'ennesima presa in giro di un suo ex compagno di scuola, gli propone di farlo fuori.
Sarà un escalation di morti, in cui sia lui e sia il killer ne sono i principali artefici.
Sembra una trama poliziesca trita e ritrita vero? Vi dico che non è così.
Principalmente perchè, ragionando un po' di più si capisce benissimo che oltre il poliziesco c'è una acuta analisi sulle debolezze degli esseri umani, cosa che è stata curata nei minimi particolari, e con un finale assurdo che mi ha lasciata sia sorpresa che divertita, vi dico la verità per poco non mi scappava una risata durante la visione.
Sono contenta di aver visto questa serie, e la prima stagione, ben presto cercherò di vedere anche la seconda così ve ne parlo alla fabbrica ovviamente in diretta.
Il personaggio che mi è piaciuto di più è quello della poliziotta Molly Solverson che cerca di capire come si sono effettivamente svolti i fatti, insieme al collega Gus, padre single che deve crescere una bambina da solo dopo la morte della moglie.
Citazione a twin peaks, fate attenzione quando il killer va nel ristorante del padre di molly a cosa ordina, non vi dico niente, per non rovinarvi la sorpresa, ma per chi ha visto la serie di Lynch e Frost sa di cosa sto parlando.
Per me è già cult, non so per voi, comunque se ancora non l'avete vista fatelo subito perchè ne vale certamente la pena.
Parola di scout. No anzi, di Arwen Lynch. xD.

Commenti

  1. ecco, con rispetto eh, ma io i Coen non li ho mai amati particolarmente...
    non sono abbastanza intelligente, è questa la verità!

    comunque, qualche puntata di "Fargo" l'ho pure approcciata, ma non faceva per me...

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!