Passa ai contenuti principali

#LaPromessa2022 - In una notte di chiaro di luna

 

Se c'è un merito da attribuire a Lina Wertmuller, è di essere stata la prima in Italia a parlare di AIDS al cinema.
Lo ha fatto con un opera amara e dolente, che non lascia trasparire l'happy end, ma riflette le paure, i timori, e soprattutto i pregiudizi che allora c'erano in questa malattia.
Il cast è notevole, ci sono attori coi controcaxxi e scusate l'espressione, da Rutger Hauer, a Faye Dunaway, fino al mito Peter O'Toole.
Lo sguardo di Lina Wertmuller è docile e comprensivo, non giudica i suoi personaggi, ma accompagna lo spettatore nelle loro vite, sta a noi se accettarli o meno.
Un film diverso e coraggioso, come non se ne vedevano molti negli anni ottanta in Italia.
E allora l'AIDS veniva vista come una peste, non so adesso, forse le cose sono un po' cambiate, fattosta che la malinconia di questo film non l'ho vista da nessun altra pellicola.
Certo negli anni novanta con la morte di Freddie Mercury le cose sono un po' esplose, anche se nel terzo millennio, ormai non si parla più di questa malattia, secondo me a torto.
Tutti noi dovremmo conoscere i rischi e i pericoli di un rapporto sessuale non protetto.
Anche se la medicina è andata avanti, non voglio certo vivere con una malattia di cui non c'è nè cura nè vaccino.
Questo ovviamente è un mio punto di vista.
In una notte di chiaro di luna, narra le gesta di un giornalista, che per fare un articolo si finge sieropositivo, per poi scoprire che è realmente sieropositivo, rivede la donna che amava e scopre di avere un figlio, anche se il film comincia con l'omicidio suicidio di una coppia che pensava di essere sieropositiva ma in realtà non lo era.
Un inizio forte per un film dolente e malinconico, diretto da una regista con le palle come Lina Wertmuller, ho fatto proprio bene a inserirlo nella promessa di quest'anno.
E il prossimo film per la promessa sarà ancora più toccante.
Non perdetevi questa chicca.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.