Passa ai contenuti principali

Inception

Inception è più di un film, è un esperienza che ti porta al di là dell'immaginazione del tuo inconscio, ti porta ad esplorare nei meandri della mente umana per poi manipolarla come decidi di fare, esistono due mondi in inception il mondo della veglia e il mondo dei sogni, con le sue regole precise in cui due minuti nel mondo reale sono un ora in quello dei sogni, Dom Comm (un bravissimo Leonardo Di Caprio) riesce ad entrare nella mente delle persone, precisamente nei loro sogni per rubare informazioni, non vede i suoi figli da molto, moltissimo tempo ed è ricercato dall'fbi...
Un giorno Saito gli fa una proposta quella di immettere informazioni nella mente di una persona, l'offerta è allettante, e alla fine accetta.
Nolan ritorna dopo il deludente (per me, ma è una cosa personale) The Dark Knight, e non c'è bisogno di dire che è un film incredibile no? Più che incredibile, credo sia la sua opera più matura, più coinvolgente, riesce ad incantare lo spettatore dall'inizio alla fine.
Ma Inception offre tantissimi spunti di riflessione sull'uomo, sul suo ingegno, e sulla vita offrendo diversi interrogativi che cos'è un idea? Da dove nasce e dove può portare? Se da un lato abbiamo l'inconscio di coloro in cui Dom Entra, non mancano mai i suoi ricordi, i suoi rimpianti, i suoi momenti tristi, i suoi sogni, i labirinti della mente dell'uomo non si possono sempre manipolare a proprio piacimento, non senza subire delle conseguenze bravissima anche Marion Cotillard, nel ruolo della moglie di Dom che risulta credibile in un ruolo piuttosto complesso di una persona non reale, tantissime le scene incredibili vedi foto sopra quella in cui il collega di Dom litigando con un uomo fluttua nell'aria ma soprattutto quella di Dom racconta come  è morta sua moglie.
In sostanza un film piuttosto innovativo, un opera interessante che farà sicuramente parlare di se, contrariamente a molti autori surreali Nolan non tocca la carta del surrealismo (e fa bene) ma mette un altro mondo (quello dei sogni) come fosse un entità assestante in cui l'uomo la può manipolare a suo piacimento secondo una volontà propria,
CAPOLAVORO.

Commenti

  1. sono d'accordo. grandissimo film dagli infiniti spunti di riflessione!

    RispondiElimina
  2. si molti soprattutto il confine tra realtà e sogno che sembra avere quasi una barriera invisibile

    RispondiElimina
  3. Mi è piaciuto, mi ha inchiodato alla poltrona e il tempo è volato via. Ottimo prodotto, confezionato bene.
    Non riesco però a dargli la medaglia del capolavoro perché, a gusto mio, tutta una serie di scene alla 007 potevano esserci risparmiate e qualche dialogo in più non avrebbe guastato.
    Al limite è un capolavoro nel suo genere, cioè action-mouvie più che fantascienza.

    RispondiElimina
  4. si si in effetti hai ragione ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.