Passa ai contenuti principali

Inception

Inception è più di un film, è un esperienza che ti porta al di là dell'immaginazione del tuo inconscio, ti porta ad esplorare nei meandri della mente umana per poi manipolarla come decidi di fare, esistono due mondi in inception il mondo della veglia e il mondo dei sogni, con le sue regole precise in cui due minuti nel mondo reale sono un ora in quello dei sogni, Dom Comm (un bravissimo Leonardo Di Caprio) riesce ad entrare nella mente delle persone, precisamente nei loro sogni per rubare informazioni, non vede i suoi figli da molto, moltissimo tempo ed è ricercato dall'fbi...
Un giorno Saito gli fa una proposta quella di immettere informazioni nella mente di una persona, l'offerta è allettante, e alla fine accetta.
Nolan ritorna dopo il deludente (per me, ma è una cosa personale) The Dark Knight, e non c'è bisogno di dire che è un film incredibile no? Più che incredibile, credo sia la sua opera più matura, più coinvolgente, riesce ad incantare lo spettatore dall'inizio alla fine.
Ma Inception offre tantissimi spunti di riflessione sull'uomo, sul suo ingegno, e sulla vita offrendo diversi interrogativi che cos'è un idea? Da dove nasce e dove può portare? Se da un lato abbiamo l'inconscio di coloro in cui Dom Entra, non mancano mai i suoi ricordi, i suoi rimpianti, i suoi momenti tristi, i suoi sogni, i labirinti della mente dell'uomo non si possono sempre manipolare a proprio piacimento, non senza subire delle conseguenze bravissima anche Marion Cotillard, nel ruolo della moglie di Dom che risulta credibile in un ruolo piuttosto complesso di una persona non reale, tantissime le scene incredibili vedi foto sopra quella in cui il collega di Dom litigando con un uomo fluttua nell'aria ma soprattutto quella di Dom racconta come  è morta sua moglie.
In sostanza un film piuttosto innovativo, un opera interessante che farà sicuramente parlare di se, contrariamente a molti autori surreali Nolan non tocca la carta del surrealismo (e fa bene) ma mette un altro mondo (quello dei sogni) come fosse un entità assestante in cui l'uomo la può manipolare a suo piacimento secondo una volontà propria,
CAPOLAVORO.

Commenti

  1. sono d'accordo. grandissimo film dagli infiniti spunti di riflessione!

    RispondiElimina
  2. si molti soprattutto il confine tra realtà e sogno che sembra avere quasi una barriera invisibile

    RispondiElimina
  3. Mi è piaciuto, mi ha inchiodato alla poltrona e il tempo è volato via. Ottimo prodotto, confezionato bene.
    Non riesco però a dargli la medaglia del capolavoro perché, a gusto mio, tutta una serie di scene alla 007 potevano esserci risparmiate e qualche dialogo in più non avrebbe guastato.
    Al limite è un capolavoro nel suo genere, cioè action-mouvie più che fantascienza.

    RispondiElimina
  4. si si in effetti hai ragione ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.