Passa ai contenuti principali

L'estate di Kikujiro

Emozionante, incantatore, coinvolgente, ci vorrebbero centomila parole per descrivere l'entusiasmo dopo la visione di questo capolavoro che con i 400 colpi di Truffaut è uno dei più bei film sull'infanzia che abbia mai visto, Takeshi Kitano torna e regala al mondo questa meraviglia di film l'unico dove parla molto, nelle altre pellicole non parla quasi mai, e racconta la storia di un bimbo che vuole partire per cercare la sua mamma, e chiama Kikujiro signore sempre per tutto il tempo del film, lui è scorbutico con gli altri ma protettivo con il bambino, che lui ha deciso di accompagnare, in realtà sono molto simili, anche lui è in cerca di qualcosa del suo passato e di alcune domande in cui vuole avere una risposta, questo viaggio per queste due anime diventa un viaggio metaforico alla ricerca di se stessi, delle proprie radici, e del proprio passato, così per il bambino colora e rende pulito, buffo ciò che per il bambino è difficile accettare e sopportare, si trasforma in clown per fare ridere il bambino, soprattutto nei momenti più duri, non è facile fare accettare la realtà, soprattutto se a viverla è un bambino innocente.
Un film poetico solare e dolcissimo, supportato da una colonna sonora gradevolissima che conquista e sembra scritta apposta per il bambino, anzi gli sembra cucita addosso, stupenda anche la regia di Kitano, che risulta credibile in un film il cui genere non è il suo, un film tanto semplice quanto complesso, un capolavoro che davvero riesce a conquistare anche il più duro di cuore, tra le scene più divertenti, ci sono le scommesse della corsa ai cavalli e quando per fermare una macchina e chiedere il passaggio mettono una pietra sulla strada, poi quando incontrano i motociclisti e fanno ridere il bambino facendo giochi con lui, Consigliatissimo e soprattutto Collezionatelo perchè questo film è un Capolavoro, ne rimarrete conquistati.

Commenti

  1. ah ne ho un bel po' di kitano questo compreso. molto molto carino, capolavoro mi pare eccessivo dirlo ma parere personale. il suo massimo a mio parere è anche il primo che ho visto di lui, Dolls: http://robydickfilms.blogspot.com/2007/08/dolls.html

    ciao!

    RispondiElimina
  2. si dolls l'ho visto un po' malinconico questo film lo considero capolavoro per la leggerezza della storia e per la capacità di Kitano di recitare con un bambino, non è facile fare un film con i bambini, a lui gli viene naturale, poi anche il modo in cui riesce a fare superare al bambino i suoi momenti difficili, non è facile fare un film del genere lui ci riesce benissimo ^^

    RispondiElimina
  3. capisco... :)
    e diciamolo va, che kitano è anche un grande attore oltre che un grande regista.

    RispondiElimina
  4. si molto bravo hai hai l'ho dimenticato hahaha cmq Dolls l'ho trovato anche se è straordinario un po' pesante, i dialoghi ridotti all'osso, non è stato facile seguirlo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.