Passa ai contenuti principali

Io Sono L'amore

La Famiglia Ronchi, titolari di una industria tessile, Emma la moglie straniera di Tancredi, sposati senza amore vivono con i loro figli in un suntuoso palazzo, e appartengono all'alta borghesia, la loro vita è fatta di feste e ricevimenti, ma sembra che sia una vita superficiale, senza slanci emotivi almeno finchè non irrompe nella famiglia Antonio, un amico del figlio di cui Emma si innamora e inizia con lui una relazione, scopre l'amore per questo giovane, ma attorno a questa relazione, piano piano vengono fuori i segreti dell'intera famiglia, Tancredi prigioniero del suo ruolo di proprietario ricco della fabrica e dell'ipocrisia ed è incapace, Edoardo che sceglie di non seguire cosa la famiglia voleva fare per lui, e apre un ristorante, la figlia si scopre lesbica...insomma tutto il mondo costruito da questa famiglia cambia radicalmente, perchè tutti i membri della famiglia prendono direzioni diverse da quelle che hanno preso inizialmente.
Luca Guadagnino dopo il deludente Melissa P torna con questo film ispirandosi ad autori come Visconti, però a differenza di Visconti sembra che sia intrappolato da una certa freddezza di stile che appesantisce senza fare sviluppare maggiormente i personaggi, bravissima come sempre Tilda Swinton che ha prodotto il film.
Nonostante ciò l'ho trovata una pellicola piuttosto interessante, anche se un po' di slancio emotivo in più avrebbe giovato, sia alla storia che ai personaggi, Guadagnino dovrebbe imparare di più a sottolineare le emozioni, invece di ispirarsi ad altri autori non tenendo presente i loro sentimenti. Da Vedere.

Commenti

  1. ...per me e' uno dei film piu' belli di quest'anno

    RispondiElimina
  2. si è molto bello, sarebbe stato comunque migliore se avesse sottolineato le emozioni, non in maniera eccessiva ma giusta, è stato troppo misurato Guadagnino.

    RispondiElimina
  3. mi è piaciuto molto per regia e stile.
    sceneggiatura ed emozioni (come giustamente dici) invece carenti

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.