Passa ai contenuti principali

Sotto la sabbia

Sotto la sabbia racconta di una donna (Marie, una splendida Charlotte Rampling) che con il marito passa qualche giorno di vacanza al mare, tutto sembra scorrere normalmente fino al giorno dopo, il cui consorte scompare dopo essersi buttato in acqua per un bagno, da quel momento Marie vive in uno stato di realtà parallela, come se avesse messo la testa sotto la sabbia, come suggerisce il titolo del film, una realtà in cui è come se non fosse successo niente, semplicemente ha rimosso l'accaduto, ed è incapace di provare anche emozioni, sentimenti, vive in uno stato di apatia surreale, come se nulla in realtà fosse accaduto, una situazione piuttosto controversa e contorta che le impedisce di affrontare la realtà e di continuare a vivere, costruendosi una sua realtà alternativa, Ozon si sofferma spesso su Marie, e sulle persone che la conoscono, e le loro reazioni di fronte a quello che è successo, la vita scorre normalmente perchè lei ha deciso di rimuovere l'accaduto, ed è totalmente incapace di affrontarlo e di guardare se stessa e un nuovo amore che le si presenta, in un certo senso preferisce vivere NELLA SUA TESTA piuttosto che affrontare una nuova situazione, persino con la suocera è incapace di comunicare, quando però gli agenti della polizia le danno la notizia di aver trovato il marito, e lei che precedentemente ha riconosciuto anche gli oggetti personali dopo aver visto  il suo corpo rifiuta di riconoscere la morte del marito e di fare in modo di continuare con la sua vita di sempre, in un certo senso Marie è incapace di continuare a vivere
anzi, si rifiuta di vivere senza la presenza del marito, fino a quando non ritorna nella spiaggia dove finalmente per la prima volta scoppia a piangere, e quella figura del finale, figura anonima in cui lo spettatore non riuscirà mai a comprendere se ha fatto pace con se stessa oppure è riuscita a elaborare il lutto indica qualcosa che sfugge, sarà la figura del marito? (che vede solo lei) In cui si rifugia rifiutando di continuare a vivere? Oppure è finalmente pronta per intraprendere la sua strada? Il finale è aperto, allo spettatore spetta la sua interpretazione e il suo parere. Ottimo.


Commenti

  1. ottimo sì, tra i migliori di Ozon...
    e Charlotte è una grandissima!
    in quest'altro di Ozon addirittura sorprendente: http://robydickfilms.blogspot.com/2009/12/swimming-pool.html

    RispondiElimina
  2. si l'ho visto, Ozon è un autore interessante leggerò la tua recensione di swimming pool, altro film che dovrei recensire, l'ho visto parecchio tempo fa ^^

    RispondiElimina
  3. In generale d'ora in poi, quando dovrò scegliere un titolo da vedere in dvd, verrò a spulciare su questo tuo blog "catalogo". Inoltre le tue recensioni sono veramente ricche e coinvolgenti, un valore aggiunto alle segnalazioni.

    P.S. su questa mi sono commosso alle lacrime... e ancora non ho visto il film.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.