Passa ai contenuti principali

Shining

E con immenso piacere che recensisco il mio horror preferito, per me è il must dei must dei film horror, ovvero il miglior horror di sempre, nessun altro horror che fin ora ho visto lo eguaglia, nella mia personale classifica si merita il primo posto in assoluto.
Alla regia poi c'è il genio Stanley Kubrick, il più grande regista di tutti i tempi che dopo aver girato lo straordinario per me e per tutti gli estimatori di Kubrick Barry Lindon, che ingiustamente è stato incompreso da molti, decide di fare un film di genere, per attirare il pubblico,  e decide di tradurre per lo schermo il romanzo di Stephen King, risultato il film è diverso dal romanzo, (personalmente non l'ho letto) e si dice che il film sia molto più pauroso rispetto alla versione di King che poi ha fatto fare il remake per la tv e dopo si è accorto che la versione di Kubrick superava di gran lunga la versione televisiva, ci sono parecchie scene da pelle d'oca, quella che fa impaurire tutti è quando appaiono le due gemelle (ispirate da una foto di Diane Arbus grande amica di Kubrick) morte ricoperte di sangue, a me fa paura anche adesso la scena del bagno quando Jack entra nella stanza in cui non è possibile entrare altrimenti i fantasmi ripopolano l'Overlook Hotel - albergo costruito sopra un cimitero indiano  quindi già di per se abbastanza maledetto e inquietante - e c'è la donna bella che lo abbraccia e poi diventa uno zombie che lo insegue, quella scena per me è da panico assoluto, Jack Nicholson in una delle sue migliori interpretazioni è l'unico che può interpretare Jack Torrence, Shining è stato anche di ispirazione a Kubrick per la sua ultima opera Eyes Wide Shut per alcune scene, iniziamo? Andiamo...
Dunque la storia ruota attorno a Jack Torrence che accetta di fare il guardiano d'inverno all'Overlook Hotel, la solitudine, l'ambiente rinchiuso e alcune storie riguardanti delitti che si sono consumati all'Overlook fanno piano piano discendere verso la follia Jack, come è successo con un altro uomo che ha massacrato la sua famiglia, il piccolo Denny, ha il dono della luccicanza, ovvero riesce a vedere e a percepire oscure presenze o fantasmi e a parlare tramite il pensiero, ed è grazie a questo dono che il bambino riesce a capire che l'albergo è teatro di strane presenze ancor prima che il padre accetti il suo incarico, e ancora prima che il padre telefoni per dare la notizia alla madre che ha accettato di essere custode dell'albergo.

Stephen King inizialmente ha osteggiato la versione cinematografica di Kubrick dicendo che il romanzo era molto meglio del film (capita con tutti è vero se riuscirò a leggere il romanzo poi scriverò un articolo a riguardo) Kubrick disse come risposta che il romanzo non era tutto questo capolavoro, ma nonostante ciò il film E' e RESTA un CAPOLAVORO, nonostante abbia visto anche l'esorcista, e Rosemary's Baby (altro capolavoro horror che spero di recensire presto) Shining possiede una qualità che sa colpirti alla prima visione e ti resta impresso per sempre, poi ognuno può avere diversi pareri io la penso così per me è il più grande Horror di tutti i tempi, e questo mi basta.

Commenti

  1. e be', qua si spara sulla croce rossa! :D
    hai fatto bene a recensirlo.
    ciao :)

    RispondiElimina
  2. ..in Shining c'e' la Steady Cam piu' inquietante della storia del cinema...chiedete a Shelley Duvall/Wendy Torrance, non potra' che essere d'accordo....

    RispondiElimina
  3. concordo assolutamente, adoro questo film, semplicemente geniale, anche questo non scherza
    http://pocketfilmblog.blogspot.com/2011/03/l-esorcista-1973-integrale.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.