Passa ai contenuti principali

Wall Street - Il denaro non dorme mai

Un buon film, nonostante sia un sequel dello storico Wall Street, film che ha fatto vincere l'oscar come attore protagonista a Michael Douglas che qui ritroviamo nei panni di Gordon Gekko, appena uscito di prigione deve ritornare alla vita normale, tutto sembra far capire che è un altro uomo, un uomo nuovo, cambiato, un uomo che vuole far pace con la figlia (Carey Mulligan già vista nel film An Education) che sembra aver chiuso con lui, ed è l'unica che non crede alla sua redenzione, nonostante il fidanzato gli chieda di aiutarlo in una operazione per vendicare l'amico e mentore che si è gettato sotto un treno perchè ha perso la sua azienda.
Il Revival anni ottanta propone il seguito di un film che è stato uno dei simboli degli anni ottanta Wall Street e sembra che il famoso monologo dell'avidità sia ormai diventato una legge in questo seguito, Gordon saprà giocare le sue carte avidamente come è sua abitudine, infatti non è cambiato proprio per niente, è sempre uguale  nonostante gli avvertimenti della figlia di Gekko.
Michael Douglas è sempre impeccabile, molto convincente, sia nel ruolo che interpreta sia per l'intelligenza con la quale riprende il personaggio che in un certo senso lo ha allontanato dall'immagine di suo padre, è un po' invecchiato ma sembra che Gekko sia cucito apposta per lui sia nel primo capitolo che in questo nuovo film, Shia La Beuf invece mi è sembrato il bamboccino di turno la sua interpretazione è buona ma non memorabile, (che differenza con Charlie Sheen, che qui ritorna in un cameo ma quella era un altra epoca) Carey Mulligan è deliziosa e bravissima non perde mai di vista la solitudine del suo personaggio, il suo è un ruolo abbastanza complesso e riesce ad essere se stessa. La regia di Oliver Stone è asciutta, sincera, e verace, dirige il film come un direttore d'orchestra dirige una sinfonia, in sostanza un buon film, davvero, sono stata sorpresa dopo la visione, anche se il primo capitolo resta un capolavoro a confronto.

Commenti

  1. Ho amato molto questo film, quasi quanto il precedente Wall Street... concordo con la tua rece.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.