Passa ai contenuti principali

Noi

Il secondo lavoro per un regista che con una "sorpresa" è stato un exploit, è una prova piuttosto difficile da superare...come è andata per Jordan Peele? restate con me e lo saprete.

Scappa - Get Out, si è portato a casa un oscar per la migliore sceneggiature originale, film che ha sorpreso e conquistato tutti quanti, sia amanti dell'horror che no...me compresa, primo film antitrumpiano uscito ben due anni or sono...ultimamente ho comprato il blu ray e l'ho rivisto.
Noi invece è un film assai più difficile del predecessore, quindi le aspettative erano piuttosto alte, e devo dire che  sono state soddisfatte, anzi di più...questo film almeno per la sottoscritta, è stata una conferma e un altra sorpresa.
Forse è prematuro dire che Jordan Peele sia un fottuto genio, ma una cosa è certa, fino ad ora non ha sbagliato film, cosa assai difficile per chi diviene famoso  con una sorpresa, di solito le aspettative vengono deluse da chi si aspetta un altra sorpresa.
Con Noi invece la cosa è ben diversa.
Qui non abbiamo bianchi che vogliono il corpo di neri per metterci il loro cervello, qui abbiamo un film che mette in scena un apocalisse, ben rappresentata dai doppelgangher, o i loro doppi, che vogliono prendere il posto degli umani vivi.
Un altra notte dei morti viventi? Non esageriamo, ma ci siamo decisamente vicini.
Jordan Peele non è pessimista come Romero, ma anzi, riesce a mettere in scena l'orrore dei protagonisti, che devono combattere contro loro stessi per salvarsi l'anima.
E vogliamo parlare anche del colpo di scena finale? Quello che non ti aspetteresti mai?
Non anticipo nulla per non rovinarvi la sorpresa, se lo direi vi rovinerei praticamente la visione, voglio che guardiate Noi a mente fresca, con le mani ben piantate nei gomiti della poltrona.
Non ne uscirete indenni ve lo assicuro io.
Per me Noi conferma il talento di Jordan Peele, che è stato capace di regalarci un altro film sorpresa, che sicuramente farà discutere molto di se, di questo ne sono più che sicura.
Per me è un altro piccolo ma grande film, che merita la visione, o al cinema o in blu ray originale, appena esce vi assicuro che lo acquisterò.
Jordan Peele è decisamente un regista da tenere d'occhio, perché è capace di girare film sorprendenti e che fanno discutere, perché sono molto politici.
Sa regalare inoltre, anche spunti di riflessione sulla natura umana, sia con Noi, che con il suo precedente lavoro, cosa rara di questi tempi.
Per me questo film è decisamente uno dei migliori dell'anno.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…