Passa ai contenuti principali

Affliction

U
Un film crudele e spietato, un ritratto di una famiglia vittima di un uomo che usa la violenza in famiglia, ma soprattutto il ritratto di un figlio succube di un padre padrone e dispotico per cui alla fine ne rimane la vittima cadendo in una voragine che lo ingoierà senza possibilità di risalire la luce, Paul Schrader firma con questo Affliction uno dei film più intensi e più tristi della sua filmografia, bravissimi tutti gli interpreti soprattutto James Coburn e Nick Nolte, qui nella sua migliore interpretazione in assoluto il suo Wade è un poliziotto che sta facendo delle indagini su un omicidio, per la prima parte del film crede che va tutto bene alla sua vita, le indagini proseguono per bene etc, nonostante abbia un pessimo rapporto con  la ex moglie e soprattutto non riesce a dialogare con la figlia piccola, si innamora di un altra donna (interpretata tra l'altro dalla sempre bravissima Sissy Spacek) le cose crollano quando decide di fare conoscere la sua nuova compagna al padre, che lo trova sempre attaccato alla bottiglia, solo, così sale di sopra e trova la madre morta, un incidente? Così piano piano l'ingombrante figura paterna fa riaffiorare vecchi dolori e vecchi ricordi tra l'altro frammentizzati in flashback delle violenze patite, molesta la compagna di Wade, tratta male e con disprezzo chi gli sta intorno, insomma un vero delirio, che Schrader non cade mai nel patetico involontario o nel grottesco, ma anzi analizza la psicologia dei personaggi facendoli conoscere al pubblico per come sono e non per come appaiono, Affliction è un film duro, sconvolgente, che è difficile che si dimentichi facilmente, il film per altro è narrato dal fratello di Wade, e racconta di come le cose siano precipitate e di come Wade sia scomparso nel nulla (forse morto?) questo non lo sapremo mai, l'unica cosa che so è che dopo la visione sono rimasta senza fiato.

Commenti

  1. Interessante, tanto più che non l'avevo mai sentito. Vedrò di darci un'occhiata!

    RispondiElimina
  2. si si è molto bello come film ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.