Passa ai contenuti principali

C'era una volta in america

S
 Sergio Leone era un grande regista, non lo conosco molto come autore e di questo me ne rammarico, ma ho visto C'era una volta in america, un film immenso non si può esprimere a parole semplici la grandezza di questa opera cinematografica, ma cercherò di farlo nel modo più semplice possibile, anche perchè per me questa sera è un impresa fare una valutazione di questo film, per il motivo che ho spiegato di sopra.
Sergio Leone ci lascia il suo film testamento C'era una volta in america, dove scrive la storia della vita, dell'amicizia, di due uomini, come comincia continua e finisce, e della donna che li divide, detto così sembra che dico ma è la banale storia di un triangolo, eh no, non lo è perchè la parte centrale del film è proprio il grande amore di Noodles per Deborah, interpretata da Jennifer Connelly da piccola e da Elizabeth McGovern da adulta, ma è proprio Noodles il personaggio che rende grande C'era una volta in america, interpretato da uno straordinario Robert De Niro, come anche Max interpretato anche da un grande James Woods, Sergio Leone fa un film di gangster alla sua maniera, allontanandosi completamente dal genere che lo ha reso famoso, e ci dona un opera monumentale, la storia di un amicizia virile tra Max e Noodles,una storia di rimpianti, di malinconie, di tristezza e di segreti, una storia d'amore, straziante appassionato, disperato, e mai del tutto approfondito tra Noodles e Deborah suo grande amore, iniziato quando Noodles bambino la spia mentre balla amapola con un tutù che le arriva fino ai piedi (una delle scene più belle del film) nella prima parte del film vediamo i due amici ancora ragazzi che iniziano la loro carriera criminale, sempre con altre persone di altre bande che stanno sul fiato sul collo, i piccoli criminali un giorno crescono e diventano uomini, diventano gangster, il film passa dagli anni 30 agli anni 60, Max diventa una persona importante quando fa credere all'amico della sua morte, Deborah diventa la donna di Max, Noodles viene dimenticato dal mondo, lo ritroveremo vecchio, pieno di rimpianti, e con il cuore spezzato, un ruolo del genere solo il grande Robert De Niro poteva interpretarlo, ma l'amore per Deborah in lui vivrà per sempre, in poche parole, un grandissimo film, un esempio di grande cinema che non si è mai più ripetuto nella storia, nemmeno i grandi Scorsese e Coppola sono riusciti ad eguagliarlo. Magistrale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.