Passa ai contenuti principali

Videocracy - basta apparire

   Censurato il trailer di questo film nelle principali televisioni italiane, che poi sono controllate dal presidente del consiglio in carica Silvio Berlusconi che detiene il controllo sul 90% dei media nazionali, manipolando l'informazione e le menti di milioni di italiani, Videocracy affronta come il Berlusconismo abbia influenzato una nazione ma soprattutto il suo popolo, celebrato in tutto il mondo come dei più acculturati, come sia diventato sproporzionalmente ricco grazie a queste televisioni e a certi legami mai chiariti con la mafia, e lo fa attraverso la storia documentata di due ragazzi il primo Ricky che imita Jean Claude Van damme e Ricky Martin e tenta la strada dell'apparire in tv, e il secondo Fabbrizio Corona, il re dei paparazzi coinvolto nello scandalo vallettopoli, e c'è tutto un giro di superficialità ed arroganza che a molti potrebbe impressionare, a molti stranieri che vedono in Berlusconi come un anomalia e molti italiani invece lo venerano e ammirano per quello che ha costruito, ma la tv genera mostri come diceva un vecchio detto, sedici anni fa Berlusconi scende in campo ed entra in politica diventando un icona per alcuni italiani, ma anche grazie alla sua influenza sulla tv che ha sostituito la democrazia di un paese ormai, perchè come dice il sottotitolo basta apparire, e allora eccoli tutti lì al billionaire locale alla moda di Flavio Briatore amico di Berlusconi come anche di Lele Mora agente dei tronisti di uomini e donne che mostra orgoglioso le suonerie di faccetta nera di Mussolini, con svastiche e falchi, Erik Gandini mostra il barbarimento di una nazione ormai succube di un miliardario che non crede a nulla e degli italiani che per i loro 15 minuti di popolarità farebbero qualsiasi cosa, infatti la massima ispirazione per una ragazza è diventare una velina e sposare un calciatore come ci viene mostrato in questo bellissimo documentario, in pratica l'italia si è trasfigurata in un fenomeno da barraccone dentro una rivoluzione culturale iniziata trent'anni fa grazie a una trasmissione di spogliarelli che inizava di notte. Ma questa è l'italia plasmata da Berlusconi, un italia di tette e culi, superficiale, rozza razzista e fascista il cui unico interesse è diventare qualcuno dimenticando i suoi diritti fondamentali e questo è un grande dolore.

Commenti

  1. interessante...
    hai visto draquila?

    RispondiElimina
  2. si l'ho finalmente visto e non è stato facile vederlo...presto lo recensirò :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.