Passa ai contenuti principali

Californication stagione 3

 
 
Se qualcuno vi chiede di guardare una serie tv intelligente, consigliategli Californication, perché? Perché innanzitutto non è mai banale e poi perché è parecchio esilarante.
Hank Moody ritorna più in forma di prima e anche più arrapato di prima.
In questa season insegna letteratura all'università, e intreccia due relazioni pericolose: una con la moglie del rettore, il cui marito non lo sopporta, e un altra con una sua studentessa.
Come contorno c'è anche la guest star di Kathleen Turner con un personaggio azzeccatissimo, questa attrice è stata strepitosa nel ruolo del capo di Charlie Runkle, editore di Hank.
Se credete che Hank non sia un cazzaro anche qui vi sbagliate di grosso, ma il bello di questa serie è proprio il fatto di presentare un uomo normale, con il blocco dello scrittore e riuscire ad empatizzare con il pubblico: in poche parole, Hank Moody siamo tutti quanti.
Le vere donne della sua vita, sono e rimangono Karen e sua figlia Becca, che sono coloro che lo accolgono sempre qualsiasi minchiata combina.
Il nostro amico sciupafemmine mi sta simpatico fin dal primo episodio della prima stagione, tutto merito di David Duchovny che è riuscito a svestirsi dei panni dell'agente Mulder, riuscendo a fare centro con un Vdi uomo medio, forse un po' pigro, coglione, cazzone e tanto altro ancora...potete dirgli tutte le parole di questo mondo: non siete vicini alla sua vera poesia.
Perché Hank Moody è così: prendere o lasciare, e per quanto mi riguarda preferisco prendere e divertirmi, perché lui e Charlie Runkle, sono la coppia di amici più divertenti del piccolo schermo, provare per credere.
Voto: 7
 
 


Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!