sabato 12 marzo 2016

Il Racconto dei racconti

 
Primo film in lingua inglese di Matteo Garrone che traduce per lo schermo tre novelle tratte da Lu Cuntu de li cunti: La cerva, La pulce e La vecchia scorticata di Giovanbattista Basile intrecciandoli tra loro.

Tre episodi, che formano un film intero con una vita a  se.
Tre fiabe capaci di trasportarvi in un mondo di indimenticabile poesia.
Nonostante in cast stellare, dobbiamo dire che Matteo Garrone è stato capace di colpire positivamente la mia curiosità, mi è piaciuto Il racconto dei racconti, perché oltre ad essere sorprendentemente è anche capace di farti sentire bambino per tutta la durata del film: il che non è cosa da poco.
I tre raccconti compongono il film, nel primo, abbiamo una regina che non riesce a generare, e allora si affida alla magia facendo un rito con una cerva e usando una serva per avere il figlio tanto desiderato.
Nel secondo, abbiamo un re che si affeziona alla pulche che lo infastidiva, poi decide di tenerla e di nutrirla finchè non indice un indovinello per fare sposare la figlia. Ma la giovane non accetta colui che ha indovinato perché è innamorata di un altro uomo; cosa fare per evitare di sposare l'uomo che non ama?
Nel terzo, abbiamo un re, che si innamora della voce angelica di una donna misteriosa, e tenta in tutti i modi di stare con lei, da prima fa notare il dito levigato di sua sorella, poi acconsente ma devono stare al buio, finchè non la vede e la deride cacciandola via.
La vecchia si appende al bosco finchè una maga non la trova, la allatta e lei ringiovanisce.
Il re vedendola giovane e bella la vuole con se, ma gli effetti della gioventù non durano in eterno.
Cos'altro dire di un film che già di per se ti incuriosisce e ti sorprende positivamente?
Correte a vederlo perché ne vale veramente la pena, vi piacerà da matti e ne vorrete parlare con i vostri amici, soprattutto con i vostri bambini.
Voto: 8


 
 

2 commenti:

  1. molto bello
    a suo tempo, quando andò a Cannes con YOUTH e LA MADRE, ci mettemmo a discutere tra amici cinofili su quale fosse il migliore
    il mio voto a Garrone rischiò di farmi espellere dalla ballotta; ma resto della mia idea; Youth è sopravvalutato e MIA MADRE è bello ma melodrammatico oltre misura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amici cinefili vorrai dire...hahaha, a me Youth è piaciuto e Mia madre non l'ho ancora visto ma condivido la tua idea: Il racconto dei racconti è un bellissimo film :)

      Elimina

Benvenuto alla Fabbrica dei sogni, I Commenti sono moderati, sei libero di esprimere il tuo parere che deve essere consono all'argomento del post e del blog, tieni presente però il rispetto per chi gestisce il blog e per chi ha un parere opposto al tuo.
Il proprietario del blog si prende la libertà di cancellare e censurare ciò che si allontana dallo scambio civile di pareri...siate felici, è solo un film!!! :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...