Passa ai contenuti principali

Il Racconto dei racconti

 
Primo film in lingua inglese di Matteo Garrone che traduce per lo schermo tre novelle tratte da Lu Cuntu de li cunti: La cerva, La pulce e La vecchia scorticata di Giovanbattista Basile intrecciandoli tra loro.

Tre episodi, che formano un film intero con una vita a  se.
Tre fiabe capaci di trasportarvi in un mondo di indimenticabile poesia.
Nonostante in cast stellare, dobbiamo dire che Matteo Garrone è stato capace di colpire positivamente la mia curiosità, mi è piaciuto Il racconto dei racconti, perché oltre ad essere sorprendentemente è anche capace di farti sentire bambino per tutta la durata del film: il che non è cosa da poco.
I tre raccconti compongono il film, nel primo, abbiamo una regina che non riesce a generare, e allora si affida alla magia facendo un rito con una cerva e usando una serva per avere il figlio tanto desiderato.
Nel secondo, abbiamo un re che si affeziona alla pulche che lo infastidiva, poi decide di tenerla e di nutrirla finchè non indice un indovinello per fare sposare la figlia. Ma la giovane non accetta colui che ha indovinato perché è innamorata di un altro uomo; cosa fare per evitare di sposare l'uomo che non ama?
Nel terzo, abbiamo un re, che si innamora della voce angelica di una donna misteriosa, e tenta in tutti i modi di stare con lei, da prima fa notare il dito levigato di sua sorella, poi acconsente ma devono stare al buio, finchè non la vede e la deride cacciandola via.
La vecchia si appende al bosco finchè una maga non la trova, la allatta e lei ringiovanisce.
Il re vedendola giovane e bella la vuole con se, ma gli effetti della gioventù non durano in eterno.
Cos'altro dire di un film che già di per se ti incuriosisce e ti sorprende positivamente?
Correte a vederlo perché ne vale veramente la pena, vi piacerà da matti e ne vorrete parlare con i vostri amici, soprattutto con i vostri bambini.
Voto: 8


 
 

Commenti

  1. molto bello
    a suo tempo, quando andò a Cannes con YOUTH e LA MADRE, ci mettemmo a discutere tra amici cinofili su quale fosse il migliore
    il mio voto a Garrone rischiò di farmi espellere dalla ballotta; ma resto della mia idea; Youth è sopravvalutato e MIA MADRE è bello ma melodrammatico oltre misura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amici cinefili vorrai dire...hahaha, a me Youth è piaciuto e Mia madre non l'ho ancora visto ma condivido la tua idea: Il racconto dei racconti è un bellissimo film :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.