Passa ai contenuti principali

Una nuova amica

E ora tocca a me parlare dell'ultima pellicola di François Ozon, Una nuova amica.

Laura e Claire sono cresciute insieme.
Insieme hanno praticamente fatto tutto, ma un giorno Laura muore per malattia, e Claire promette di prendersi cura del marito di Laura e di sua figlia Lucie; un giorno però Claire scopre che David il marito della sua migliore amica, si veste come una donna, vive e si comporta come una donna, e Claire dovrà mantenere il segreto.
Che dire, se non mi è piaciuto?
Sarebbe stupido fermare la recensione qui perché non è un semplice film sul travestitismo, ma un opera seria senza sbeffeggiamenti di un uomo eterosessuale, che dentro di se si sente una donna.
O meglio un uomo sano, normale che ha una donna dentro di se, e la vuole fare uscire fuori: il compito di Claire è fare in modo che lui accetti la sua vera natura, e in un primo momento non dice nulla a nessuno della inclinazione di David.
I due diventano pure amici, e questa strana amicizia incuriosisce Gilles, il marito di Claire, che vede sua moglie sempre in compagnia di Virginia, finchè questo segreto non può più rimanere tale.
Sono sempre stata molto curiosa riguardo l'altra metà dell'amore, e soprattutto scoprire i sentimenti di chi si sente donna dentro pur essendo un uomo esternamente.
Questo film racconta con estrema serietà una storia d'amicizia che va aldilà dei più comuni pregiudizi, perché nasce un feeling speciale tra David e Claire, che non tocca mai l'attrazione fisica; è amicizia punto, e la si ferma.
Guardatelo, sono sicura che vi piacerà come è piaciuto a me.
Voto: 7


Commenti

  1. Le pellicole di Ozon hanno sempre quel qualcosa di intangibile che me le fa piacere, un'atmosfera particolare che le pervade... questo ancora mi manca, ma lo guarderò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fammi sapere se ti è piaciuto poi xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.