Passa ai contenuti principali

L'avvocato del diavolo

                                                             Riguarda & Recensisci
Torna Riguarda & Recensisci la rubrichetta de la fabbrica dei sogni che ripesca film già visti e non ancora recensiti nel blog.
Oggi abbiamo L'avvocato del diavolo diretto nel 1997 da Taylor Hackford e tratto dall'omonimo romanzo di Andrew Neiderman.


Kevin Lomax è un avvocato che non ha mai perso una causa; ambizioso e vanitoso si guadagna le attenzioni del potente studio legale Milton dopo aver fatto assolvere un professore accusato di pedofilia.
Ben presto qualcosa non torna: la giovane moglie Mary Ann è l'unica a capire che la bella e lussuosa casa, i parties esclusivi, e tanto altro ancora nascondono in realtà qualcosa di oscuro e malefico; non è tutto oro ciò che luccica, persino i vicini di casa cambiano espressione del viso come nella scena della prova dei vestiti, dove si accorge che c'è qualcosa che non va.
Mary Ann è l'unica ad accorgersi di tutto questo mentre Kevin è occupato a raccogliere un successo dopo l'altro cominciando a trascurarla.
Quello che Kevin non sa è che Milton è ben più di un semplice titolare di uno studio legale, è satana in persona, e la verità è ben più sconvolgente dato che il giovane non è un semplice avvocato, nel suo studio legale.
Cosa ne penso di questo film? A me personalmente è piaciuto, anche se dobbiamo ammettere che è fin troppo romanzato e non ci sono i brividi di terrore che suscitano altri horror dello stesso genere.
Si fa volere bene questo film, tuttavia ci sono parecchi buchi che non lo fanno decollare del tutto...eppure le potenzialità per essere un bel film ci sono.
Le trasposizioni dai romanzi hanno più o meno questi difetti, dovrei cercare il romanzo omonimo che sarà certamente più interessante.
Non male, però si poteva fare di più.
Voto: 6


Commenti

  1. ...un film estremamente ben diretto ed interpretato...
    veramente bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ma ci manca il guizzo della paura hehehe ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.