Passa ai contenuti principali

The Hateful Eight

 
Quentin Tarantino ritorna al cinema, con un più che esplicito omaggio al western di Sergio Leone, da sempre amatissimo, infarcendolo del suo stile ultra violento e splatter.
 
Devo dire che questo film mi ha un po' sorpresa.
Nel senso positivo del termine però; perché qui dimostra una paurosissima maturità, ormai Tarantino sa cosa vuole dirigere e soprattutto lo sa raccontare in maniera vivida e sincera.
Per questa pellicola girata in settanta millimetri, riunisce sia gli attori feticci, e regala un ruolo splendido a Jennifer Jason Leigh, riportandola all'attenzione del pubblico dopo anni di oblio, come suo solito fare, riesumando una carriera seppellita in invisibili produzioni di cinema d'autore.
Il film è grandioso, ed è incredibile la capacità degli attori di assecondare Tarantino; e viceversa, si vede che sul set c'era un atmosfera idilliaca.
Ma anche la storia non è da meno, infarcita nei suoi ormai famosissimi salti temporali per raccontare il prima e il dopo, omaggia persino il film con cui è diventato famoso: Pulp Fiction.
In tutto sono quasi tre ore che filano via che è una meraviglia, Tarantino sa coinvolgere lo spettatore in uno spettacolare film capace anche di divertire tenendoti letteralmente incollato alla poltrona.
Cosa si può chiedere di più da un film?
Chi conosce il cinema di Tarantino sa benissimo che è tutto portato all'eccesso, al paradosso, al grottesco, è il suo stile, perciò chi è schizzinoso magari non troverà di suo gradimento le scene splatter contenute nella pellicola, specialmente quelle ambientate nella taverna di Minnie; ma non si può non riconoscere il fatto che sia uno dei migliori film dell'anno. Punto.
Per il resto sono convinta che sentiremo parlare di questo film anche negli anni venturi.
In conclusione: Imperdibile.
Voto: 9
 

 

Commenti

  1. Penso che sia il Tarantino più vero e cattivo di sempre. E' stata una bella visione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.