Passa ai contenuti principali

Joy

 
 
Joy, ultimo film di David O'Russell con Jennifer Lawrence e Bradley Cooper racconta la storia di Joy Mangano, inventrice del mocio, un rivoluzionario oggetto per pulire i pavimenti che la trasformerà ben presto in una delle più ricche imprenditrici d'america...ma la strada del successo è difficile e lunga.

Adesso volete sapere se il film mi è piaciuto vero?
La risposta è si, per il semplice motivo che presenta una donna coraggiosa, che nonostante le difficoltà di riuscire a imporre il suo prodotto non si arrende mai.
Anche quando il padre le suggerisce di arrendersi lei non lo fa, persino quando dichiara fallimento verso la fine...scusate lo spoiler.
Joy è un film capace di parlare agli spettatori, grazie ad un altissima empatia con la protagonista, non a caso è tratto dda una storia vera, il che lo rende parecchio interessante, infondo Joy può essere ognuno di noi.
La cosa più interessante del film è il fatto che la protagonista ha nella nonna un punto di riferimento, ed è l'unica persona che crede in lei, e che sa capire veramente Joy, per il fatto di essere talentuosa e speciale.
Robert De Niro interpreta il padre della protagonista, che con la sua nuova compagna, all'inizio crede e finanzia l'iniziativa della  figlia, ma all'ultimo le farà causa per i successi ottenuti.
Nel film nulla è lasciato al caso, scritto e diretto in maniera sincera e intelligente, è l'esempio con cui per arrivare al successo bisogna fare i conti con gli squali.
Non sarà facile arrivare al successo, ma Joy non demorderà, per questo diventa una ricca imprenditrice.
Come arrivare al successo? Grazie alle televendite, anche se all'inizio sarà una dura lotta per imporsi ma non importa, perché lo presenterà lei stessa il suo prodotto.
Film delizioso, acuto e intelligente, vi consiglio assolutamente di non perderlo, sono sicura che vi piacerà.

Voto: 7

 

Commenti

  1. sono andata al cinema convinta che non avrei visto granché, mi avevano dissuaso dall'entusiasmarmi per questo film... invece, debbo dire, l'ho trovato delizioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si condivido, è assolutamente delizioso :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.