Passa ai contenuti principali

La Dolce Vita - di Federico Fellini

Trama
Il film è tutto incentrato sullo sguardo di Marcello Rubini (Marcello Mastroianni) su Roma e sulla dolce vita di Via veneto, tra starlette, paparazzi e il fanatismo religioso di due bambini che dicono di vedere la madonna, tutto è messo sotto i riflettori e fa notizia.
E con tutto questo viene spiegata anche la vita del nostro protagonista Marcello, dal rapporto difficile con la compagna al desiderio inarrivabile per la star Sylvia.

Commento
Capolavoro della storia del cinema sia italiano che internazionale, Fellini negli anni sessanta costruisce una pellicola innovativa per i tempi che ha fatto scalpore, ma che ha vinto la palma d'oro a Cannes.
La pellicola è corale, sarcastica, pungente, come se Fellini stesso ha predetto che le star visto che sono star devono stare sotto i riflettori e adorate come fossero i nuovi dei, in questo ci vedo una satira pungente e una astuta critica e di questo ne sono felice, Fellini racconta la sua dolce vita, tutto quanto è messo sotto i riflettori e tutto quanto fa notizia.
Robert Altman sicuramente ha imparato molto da questa pellicola perchè ho notato molte somiglianze con il suo cinema.
Recentemente ho scoperto che chi vedeva questo film in quegli anni veniva scomunicato dalla chiesa, roba che mi ha lasciata perplessa non poco anche perchè ho trovato il film straordinario ricco di allegria
è molto simile in certi versi a otto e mezzo ma con la differenza che non ci sono situazioni oniriche e surreali.
Marcello Mastroianni dimostra ancora una volta la sua bravura di interprete.
Splendida la scena alla fontana di trevi come è bella la scena in cui tutti ballano e la Ekberg si unisce a tutti e si diverte pure.
La cosa più bella del film resta lo sguardo disincantato del giornalista scandalistico Marcello Rubini che vede la sua vita non realizzata come avrebbe voluto per via del suo lavoro, vorrebbe un riconoscimentoe come giornalista serio ma ancora non arriva allora si ripercorre la sua vita e la vita che vorrebbe avere grandioso da collezionare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.