Passa ai contenuti principali

Viale Del Tramonto - di Billy Wilder

Trama
Joe Gillis, uno sceneggiatore squattrinato è morto, ed è proprio da morto che racconta la storia dell'incontro con un atrice del muto Norma Desmond ormai dimenticata che incontra per caso dopo avere sistemato la sua automobile nel garage perchè credeva che la sua casa fosse abbaondonata, il primo incontro tra i due è fatale, lei lo scambia per quello che le deve dare la bara per la sua scimmia, poi scoprendo che era uno sceneggiaore approfitta della situazione per cercare di tornare sulle scene, lui naturalmente non perde occasione per avere un riconoscimento anche da Hollywood, ma Norma vive soltanto del ricordo della diva che fu, nel salotto posano le foto di quando era famosa, ogni tanto si fa proiettare dal marito ora ridotto a farle da maggiordomo e che un tempo è stato il suo pigmalione uno dei suoi films...ma Norma si illude di poter ritornare sulle scene perchè nonostante la paramount l'abbia chiamata non lo ha fatto perchè erano interessati a farla lavorare così Joe rendendosi conto che Norma Desmond della quale è diventato l'amante è ormai un attrice tramontata scrive un altra sceneggiatura aiutato da un altra ragazza...

Commento
Un capolavoro assoluto, uno dei primi film che fanno uscire fuori cio' che la fabbrica dei sogni nasconde sapientemente sotto le tende del suo sipario, ma è anche un amara riflessione di chi diva lo fu' ai tempi in cui il sonoro non esisteva, Billy Wilder gioca sapientemente con la sua cinepresa mostrando per la prima volta e grazie alle straordinarie performance di William Holden (Joe Gills) e Gloria Swanson (Norma Desmond) come Hollywood abbia usato Norma Desmond e l'abbia resa celebre per poi buttarla nel dimenticatoio ed è questa la forza di Viale del tramonto, uno dei primi film che criticano il mondo dorato del cinema.
Appena la vediamo per la prima volta lei dice "Io sono ancora grande, è il cinema che è diventato piccolo!" questa è la frase più famosa del film e quando Norma la dice lo spettatore viene travolto come un pugno nello stomaco, Billy Wilder non fa di meno, accompagnandoci per mano facendoci vedere il marcio di Hollywood e quel marcio è raffigurato dalla figura di Norma una donna che vive di ricordi e che non accetta di essere ormai dimenticata, lei si vede ancora una diva, una star, ma ormai Hollywood l'ha dimenticata l'unico motivo per cui viene chiamata da Hollywood è perchè vogliono prestata la sua automobile per girare un film.
Billy Wilder da il meglio di se e mostra Norma che come attrice e diva tutti vogliono qualcosa da lei, il primo Joe Gillis che sfrutta la situazione per diventare qualcuno e quando questa occasione sfuma abbandona Norma per stare con un altra ragazza, il film è un'acuta analisi sul rapporto umano e suo sentimenti, Norma è fragile e spera di tornare sulle scene, Joe la sfrutta per interessi personali, La figura che mi ha colpita maggiormente è quella di Max, il marito ridotto a farle da maggiordomo, una figura che rattrista e che ti mette una rabbia incredibile.
Norma nella sua follia lo ha recluso nella sua casa non permettendogli di continuare la sua cariera registica proprio come Hollywood ha recluso lei dimenticandola, lei con la sua smania di divismo ha calpestato la personalità del marito (un tempo suo pigmalione), iniziando a non ragionare più.
La sua follia prenderà il sopravvento nel finale quando si rende conto che non può calpestare Joe come ha fatto con il marito...per questo motivo Joe muore...e lei nella patetica scena finale scende le scale come una vera diva non rendendosi conto che non è sul set di un film ma è la polizia che è venuta ad arrestarla.
Da collezionare


Commenti

  1. Eh... ma questo è un capolavoro intramontabile.

    RispondiElimina
  2. Secondo me è il miglior film di Billy Wilder ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…