Passa ai contenuti principali

8½ di Federico Fellini

Trama
Il regista Guido Anselmi, in crisi creativa ed esistenziale non riesce a trovare l'idea giusta per terminare il suo film, così dopo avere rivisto la sua vita e invitato le persone che amava riesce a trovare l'idea e a finire il film...

Commento
Un grandissimo film, Fellini ci regala forse la sua opera più personale che è anche uno splendido omaggio al cinema e alla vita.
Marcello Mastroianni, vero e proprio alter ego del regista, rivede la sua vita in un turbine onirico e a tratti favolistico mostrando le donne che ha amato, i suoi successi e i suoi fallimenti, e anche le sue aspirazioni, è ovvio che Mastroianni incarna Fellini infatti questo è il suo film più personale ed è anche quello che preferisco.
L'opera è un susseguirsi di situazioni oniriche e non lineari, con una girandola di personaggi che lasciano il loro segno, bellissimo l'inizio con Guido che non riesce ad uscire dalla macchina e poi vola tra le tante auto davanti a lui, o anche l'incontro scontro tra la moglie e l'amante, oppure verso il finale quando tutti insieme fanno il girotondo.
Otto e mezzo è lo splendido ritratto del suo autore, durante la visione mi sono sentita immersa nel suo mondo un po' come entrare nel suo immaginario ed è stato meraviglioso, primo perchè questo film l'ho trovato un capolavoro assoluto della settima arte che tutti i cinefili dovrebbero collezionare, in otto e mezzo ho riscontrato, moltissime cose che lo fanno grande, Guido ripercorre in questo film tutta la sua vita, lo vediamo piccolo poi più maturo e nel girotondo finale ci sono anche i suoi genitori, ormai morti venuti a trovarlo per aiutarlo a finire il film.
In un certo senso otto e mezzo è una splendida messa in scena della vita che in un certo senso mi ha letteralmente conquistata, durante la visione del film ho avuto l'impressione di avermi vista tra i personaggi del film parlo ovviamente metaforicamente, film amatissimo tra gli altri dal regista David Lynch in cui si dice di essersi ispirato proprio a otto e mezzo per INLAND EMPIRE.
In conclusione Otto e mezzo è un opera di fortissimo impatto e di una sincera libertà creativa di Fellini, menzione speciale a Marcello Mastroianni in quella che secondo me è la sua migliore interpretazione indimenticabile anche la colonna sonora di Nino Rota.



Commenti

  1. Bella recensione! Mi trovi completamente d'accordo, di recente ho visto La Dolce Vita, anche quello mi è piaciuto molto, Fellini era davvero un genio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.