venerdì 3 ottobre 2008

8½ di Federico Fellini

Trama
Il regista Guido Anselmi, in crisi creativa ed esistenziale non riesce a trovare l'idea giusta per terminare il suo film, così dopo avere rivisto la sua vita e invitato le persone che amava riesce a trovare l'idea e a finire il film...

Commento
Un grandissimo film, Fellini ci regala forse la sua opera più personale che è anche uno splendido omaggio al cinema e alla vita.
Marcello Mastroianni, vero e proprio alter ego del regista, rivede la sua vita in un turbine onirico e a tratti favolistico mostrando le donne che ha amato, i suoi successi e i suoi fallimenti, e anche le sue aspirazioni, è ovvio che Mastroianni incarna Fellini infatti questo è il suo film più personale ed è anche quello che preferisco.
L'opera è un susseguirsi di situazioni oniriche e non lineari, con una girandola di personaggi che lasciano il loro segno, bellissimo l'inizio con Guido che non riesce ad uscire dalla macchina e poi vola tra le tante auto davanti a lui, o anche l'incontro scontro tra la moglie e l'amante, oppure verso il finale quando tutti insieme fanno il girotondo.
Otto e mezzo è lo splendido ritratto del suo autore, durante la visione mi sono sentita immersa nel suo mondo un po' come entrare nel suo immaginario ed è stato meraviglioso, primo perchè questo film l'ho trovato un capolavoro assoluto della settima arte che tutti i cinefili dovrebbero collezionare, in otto e mezzo ho riscontrato, moltissime cose che lo fanno grande, Guido ripercorre in questo film tutta la sua vita, lo vediamo piccolo poi più maturo e nel girotondo finale ci sono anche i suoi genitori, ormai morti venuti a trovarlo per aiutarlo a finire il film.
In un certo senso otto e mezzo è una splendida messa in scena della vita che in un certo senso mi ha letteralmente conquistata, durante la visione del film ho avuto l'impressione di avermi vista tra i personaggi del film parlo ovviamente metaforicamente, film amatissimo tra gli altri dal regista David Lynch in cui si dice di essersi ispirato proprio a otto e mezzo per INLAND EMPIRE.
In conclusione Otto e mezzo è un opera di fortissimo impatto e di una sincera libertà creativa di Fellini, menzione speciale a Marcello Mastroianni in quella che secondo me è la sua migliore interpretazione indimenticabile anche la colonna sonora di Nino Rota.



2 commenti:

  1. Bella recensione! Mi trovi completamente d'accordo, di recente ho visto La Dolce Vita, anche quello mi è piaciuto molto, Fellini era davvero un genio.

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...