Passa ai contenuti principali

Luci d'inverno - di Ingmar Bergman

Trama
Il pastore protestante Tomas Ericcson dopo la funzione religiosa riceve la visita di un parrocchiano che soffre di mania depressiva ed è ossessionato dalla bomba atomica, il pastore malgrado le sue parole di fede non riesce a dissuaderlo dal suicidio, poi riceve la visita di una donna che gli da una lettera, attraverso questa lettera vediamo il suo volto che racconta le parole della missiva raccontando un miracolo di guarigione da un eczema alle mani, visto grazie a un flashback, e gli confessa il suo amore, il pastore le dice che non l'ama e che ha amato la moglie defunta ormai da quattro anni.
Alla fine Jonas si suiciderà con un colpo in testa e una donna avverte il pastore della morte dell'uomo.
Alla fine il pastore cerca di consolare la moglie di Jonas ma lei rifiuta il suo conforto...

Commento
Film dedicato al silenzio di Dio, Luci d'inverno è un opera da camera che sottolinea l'incapacità degli uomini di chiesa a parlare con gli uomini e soprattutto a capire le loro sofferenze e la vita.
La figura del pastore, un uomo incapace di scendere dalle quattro mura della sua chiesa che lui vede come una cosa sacra, è incapace di avvicinarsi agli esseri umani e alle loro vite incapace di vivere per dirla con parole semplici, stretto in quelle mura austere e grigie, dice la sua messa, e Bergman è bravissimo a sottolineare l'incapacità di dialogo tra gli uomini di chiesa con gli uomini della strada, con la loro vita, le loro difficoltà, il loro mondo fatto di regole ferree, in cui tutto è peccato è molto diverso dalla vita vera e propria, il personaggio di Jonas interpretato magistralmente da Max Von Sidow in forma smagliante, incarna l'uomo ormai sconfitto dalla vita che cerca una via di salvezza nella religione, e naturalmente non la troverà, la stessa donna che si innamora di lui, viene trattata in malo modo una volta che lei gli confessa il suo amore.
La vita intorno al pastore passa, con le sue sofferenze e i suoi sentimenti, ma lui resta impassibile di fronte allo scorrere di questa vita, non come se non gli importasse nulla attenzione, il pastore è assolutamente incapace di dare risposte certe a chi gli chiede il suo aiuto, perchè vive secondo le leggi della chiesa non secondo la vita, anzi forse non la conosce davvero, e in questo Bergman fa riflettere molto, una delle scene più belle secondo me è quando Jonas grida Dio mi ha abbandonato, e vediamo il pastore recitare sempre la solita novena...è una scena piena di filosofia, anche lui in quella scena si pone degli interrogativi che ahimè non troverà mai.
In conclusione è uno dei films più belli di Ingmar Bergman, dentro c'è forse una verità che in pochi riescono a cogliere.




Commenti

  1. descrivi bene, ma la "verità" che dici alla fine bisogna sforzarsi di coglierla, anzi al plurale: le verità.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.