Passa ai contenuti principali

La gatta sul tetto che scotta - di Richard Brooks

Trama
La gatta sul tetto che scotta, è tratta da una piece di Tennessee Williams, racconta la storia della crisi di una coppia che apparentemente non riesce a parlare, il marito è un crisi esistenziale e non riesce a provare amore per la moglie a causa di un suo amico in un incidente...nonostante l'amore che ancora prova per il marito, lui comincia a bere perchè si è lussato un ginocchio cercando di correre una sera
attorno a loro una famiglia di egoisti che sanno solo giudicare.

Commento
un film toccante e bellissimo che racconta la crisi esistenziale di una coppia che in apparenza non riesce a parlare ne a esprimere i propri reali sentimenti, intorno a loro una famiglia di egoisti che sanno solo giudicare le apparenze senza guardare nel profondo.
Nella Piece il motivo della crisi tra Brick e Maggie è l'omosessualità celata del marito e il fatto che non riesce a provare attrazione per la sua focosa moglie e annega le sue paure e i suoi timori nell'alcool per non ammettere la sua onosessualità.
Nel film invece questo episodio viene censurato per non imcappare nel codice hayes in vigore allora, e la storia si incentra sul fatto che il marito è in crisi perchè considerava Brick un modello da seguire e quando la moglie gli dice che lo ha sedotto per cercare di ingelosirlo, la sua reazione è di gelosia, infatti dopo il drammatico confronto piano piano le cose migliorano.
Anche la famiglia di lui è chiassosa, ingombrante, non comprende i loro problemi e sa solo giudicare, una delle scene che mi piacciono di più è qunado avviene il confronto tra Brick e suo padre lui capisce molte cose, Maggie in quella situazione e con tutto l'amore che dice di avere per Brick cerca di stargli accanto cercando di fare uscire quell'amore nel marito per lei...
Mensione speciale ai due protagonisti che da soli valgono la visione del film Paul Newmann ed Elizabeth Taylor (che scoperta!)

Con questo film li ho scoperti entrambi e cercherò di approfondire guardanto i loro films
intanto collezionate questo film ve lo consiglio anche perchè è un piccolo capolavoro



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.