Passa ai contenuti principali

Man On The Moon - di Milos Forman

Trama
La vita del comico Andy Kaufman, raccontata in questo grande film diretto da Milos Forman.
Kaufman viene notato dal manager George Sciapiro, grazie a una eccezzionale performance di un personaggio chiamato lo straniero, subito dopo imitava alla perfezione Elvis Presley.
Il fatto curioso è che Kaufman si presentava sempre come Showman, e i suoi spettacoli erano happening dove la gente non capiva davvero se quello che succedeva era vero o falso...
Morì di un cancro ai polmoni molto raro a 35 anni.
Il film è tratto da una storia vera.

Commento
Man on the Moon è un film incompreso, un piccolo gioiellino che merita di essere recuperato ma soprattutto visto e rivisto oltre naturalmente che collezionato.
Jim Carrey in questo film da il meglio di se, la sua è una performance che in molti hanno paragonato a una possessione dello spirito di Andy Kaufman data la bravura con cui ha affrontato questo ruolo per cui merita una menzione speciale, non è da meno Denny De Vito che insieme a Carrey formano la coppia che più mi è piaciuta, gli va appresso anche Paul Giamatti nel ruolo di Bob Szmuda, vera a propria spalla di Kaufman quando faceva il comico, un grandissimo film che ho aspettato con ansia per molto tempo e ahimè molti anni prima di vederlo in tv registrandolo, la regia di Forman da il tocco finale a questo film che è senza dubbio uno dei miei preferiti in assoluto.
Grandiosa anche la colonna sonora composta dai R.E.M infatti è proprio il brano dei rem Man On the Moon che hanno dedicato a Kaurman che apre e chiude il film nei titoli di testa (che sono in realtà di coda) e in quelli di coda.
Curiosamente il film non ha avuto molto successo sia in patria che in europa, nonostante la grandissima performance di Carrey che da sola merita la visione del film, ma a me è piaciuto da morire tanto che lo vedo spesso e volentieri.

Segnalo le divertenti performance di Tony Clifton quelle fanno sganasciare compresi i duelli di Wrestling con le donne.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.