Passa ai contenuti principali

The Rocky Horror Pictures Show - di Jim Sharman

Trama
I due fidanzatini Brad e Janet, per un guasto alla macchina si recano al castello che trovano vicino al luogo dell'incidente, ad aprirgli la porta è Riff Raff il maggiordomo con Magenta la cameriera.
Così inizia la festa, vediamo i due protagonisti guardare con occhi spalancati il ballo the time wharp, e Janet continua a svenire per la disinibita esibizione dei transilvani, ma quando arriva Frank-n-Furter la musica cambia, i due giovani vengono invitati nello studio non prima di essere privati dei vestiti quasi completamente, assistendo alla nascita di Rocky l'amante perfetto, creatura fabbricata dallo stesso Frank-n-Furter, che gli dice in soli sette giorni posso fare di te un uomo, e anche in soli sette giorni posso farti un uomo, però Rocky risulta un po' tonto perchè possiede metà cervello di un certo Eddie, ex amante di Frank-n-Furter che compare improvvisamente cercando di smantellare il posto di Rocky, ma Frank lo uccide, poi avvengono le nozze tra i due.
Nella stessa notte Frank inizia all'amore i due teneri fidanzatini travestendosi prima da Brad per ottenere le grazie di Janet e poi viceversa, Riff Raff minaccia Rocky e lui scappa e si nasconde, viene trovato da Janet che lo seduce e lui fa altrettanto, ma vengono sorpresi da Brad e Frank, nello stesso momento arriva il professore dei due giovani Von Scott, che sta studiando le ricerche di Frank, lui stesso allora dice che la presenza dei giovani nel suo castello non è casuale, durante la cena la tensione è palpabile, si festeggia il primo compleanno di Rocky, e si viene a sapere che Eddie è il nipote del professore allora Frank butta via la tovaglia dal tavolo e si vede il cadavere di Eddie, c'è una confusione generale e Frank immobilizza tutti tranne Riff Raff e Magenta, ma i due cambiano volto...
Riff Raff e Magenta si ribellano al padrone e lo uccidono scappando con il castello astronave.

Commento
Ho appena finito di vedere questo film, mi è piaciuto da morire, il film è divertente trasgressivo, comico, esuberante, grottesco e perchè no capolavoro.
Mi ricordo che da piccola credevo fosse un horror forse ingannata dal titolo...
Invece è uno dei musicals più riusciti, pensate a due teneri e casti fidanzatini che invitati al matrimonio si danno un casto bacio perchè lei è riuscita a prendere il bouchet della sposa, ora immaginateli di notte durante una tempesta, soli e inzuppati vedono un castello, ci entrano ed è come entrare in un altro pianete nel vero senso della parola non sto scherzando.
Il film è ricco di riferimenti riguardanti la sessualità che per i tempi in cui è uscito era piuttosto fuori dagli schemi, non ci sono schemi normali per fare sesso, si può fare sia con uomini che con donne, l'importante è riderci su divertendosi a più non posso.
Le sensazioni che ho avuto non erano di disgusto anzi semmai è il contrario, non c'è nulla di volgare e gratuito nelle scene, il tutto è costruito con una sana dose di ironia e humor che ne fanno un piccolo capolavoro da collezionare.
Bravissimo Tim Curry anzi direi piuttosto figo, il ruolo di Frank-n-Furter sembra scritto apposta per lui, deliziosa Susan Sarandon la "tenera fidanzatina" che si lascia incantare dallo spirito goliardico della compagnia, imitando alla fine i comportamenti dei transilvani.
Il tutto condito con canzoni memorabili come Time Wharp, thouch a thouch me e Sweet Transvestite che sono quelle che mi sono piaciute di più.
Il film è raccontato da un narratore, un criminologo che rievoca tutte le vicende, ed è ricco di riferimenti artistici alle statue tra cui quella del David di Donatello, e citazioni cinefile come quella del Titanic o omaggi alla RKO, il tutto condito con la normalità dei due fidanzatini che si mescola con la trasgressione di questi extraterresti comicamente trasgressivi, da collezionare *_*





Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.