venerdì 10 ottobre 2008

Carrie, Lo sguardo di satana

Trama
Carrie White, è una timida studentessa con problemi di socializzazione dovuti al fanatismo cattolico della madre che vede il peccato in ogni semplice cosa, il giorno che le arriva il primo ciclo mestruale, viene dotata del potere di muovere gli oggetti con la forza del pensiero.
Carrie, che è da sempre oggetto di screzi e scherzi di ogni tipo dalle compagne della scuola, viene invitata al ballo di fine anno da un giovane a cui una ragazza gli aveva detto di invitarla...
Carrie nonostante la madre non vuole mandarla alla festa ci va lo stesso, non sospettando il crudele scherzo che una sua compagna di classe le ha preparato...

Commento
« Carrie, non hai toccato la tua torta di mele»«Mi fa venire i brufoli, mamma...»«Allora i brufoli sono la maniera per il Signore di preservarti casta! »

Carrie è un film che mi ha sorpreso molto, tratto dal romanzo omonimo di Stephen King è un opera che ti ipnotizza, finalmente stasera sono riuscita a vederlo tutto e sono felice di averlo fatto.
Ricordo che da piccola una volta vidi in un giornale la foto di Sissi Spacek coperta di sangue e mi impressionò tantissimo, a rivederlo il film stasera trovo che sia uno dei migliori films di Brian De Palma.
Menzione speciale alla grandissima Sissi Spacek, che ci regala un personaggio prigioniero di una madre padrona vittima del suo fanatismo religioso interpretata da una strepitosa Piper Laurie (ve la ricordate Catherine Martell di Twin Peaks? E' proprio lei), Carrie è vittima degli scherzi delle sue compagne di scuola il film si apre con una partita a pallavolo in cui Carrie sbaglia e non prende la palla, una di loro le da uno schiaffo in testa per rimproverarla, poi la scena si sposta negli spogliatoi, la cinepresa di Brian De Palma accarezza i corpi delle sue attrici come le ali di una farfalla, fino ad arrivare al corpo minuto di Carrie che si fa la doccia, la cinepresa segue i movimenti delle sue mani fino all'uscita del sangue mestruale, che provoca l'orrore nei suoi occhi, ed ecco che le altre ragazze della sua scuola cominciano ad attaccarla, in suo aiuto arriva la professoressa che la aiuta.
Carrie non è uguale alle altre ragazze, il fanatismo religioso di sua madre l'ha resa incapace di rapportarsi con gli altri così diventa lo zimbello della scuola, la cosa che mi ha sorpreso di questo film è proprio il personaggio di Carrie, ci voleva Sissi Spacek per interpretarla e la interpreta così bene che subito ti conquista, vorresti tifare per lei perchè capisci che infondo non è cattiva i veri cattivi sono coloro che durante il ballo della scuola le buttano addosso il sangue di maiale in uno scherzo crudele che mette in ridicolo la sua persona, questo è troppo, adesso lei usa i suoi poteri per vendicarsi di tutti perchè non ne poteva più di essere oggetto di screzi di tutti quanti, c'è una scena che segnalo, però dovete vedere attentamente il film fate attenzione a prima che il sangue le cade addosso, Amy Irving che interpreta una delle compagne di Carrie sembra sia d'accordo con quelli dello scherzo, poi si allontana, la professoressa guarda la scena e rimane ferma, la ragazza la avverte della situazione e la butta fuori, alla fine quando è sudicia di quel sangue stanno tutti in silenzio, ma solo per un momento, poi Carrie stessa sente gli avvertimenti della madre che prima di andare al ballo le diceva che tutti avrebbero riso di lei...dopo di chè si sente una fragorosa risata, una delle scene più tristi e più raccapriccianti che ho mai visto.
Qui scatta la vendetta di Carrie che a uno a uno usando i suoi poteri li elimina tutti...non dico di più perchè altrimenti rovinerei la sorpresa a chi ancora non l'ha visto, anche perchè il finale è una di quelle sorprese che non ti aspetteresti mai che succedessero.
Il film è una lucida analisi del diverso e De Palma è talmente bravo in questo film supportato da una sceneggiatura scritta da Lawrence D. Cohen e musicato dal nostro Pino Donaggio, verso chi ha subito per anni la segregazione da parte di genitori (in questo caso la madre) fanatici religiosi, ed è anche l'analisi di una persona che ha voglia di vivere normalmente come tutti gli altri, di essere come tutti gli altri, infatti una delle scene più belle è senza dubbio quella in cui dice perchè non me l'hai detto? (per via dell'arrivo del ciclo in cui lei non sapeva assolutamente nulla) lei si accascia piangente e sua madre la rinchiude nello stanzino...
Una sola parola che è anche un consiglio appassionato per questo film
Vedetevelo!

1 commento:

  1. interessantissimo! Lo recupererò prestissimo, mi intrigano queste storie.

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...