Passa ai contenuti principali

Miss Violence

Avvertenze prima della visione:
Tutto il film è costruito come un puzzle da ricostruire, nulla è come sembra, e la famiglia perfetta cela sempre qualche ambiguità e perversione.
Ok, ma chi ca**o è questo Alexandros Avranas? Il nome non mi dice nulla, eppure con questo film ha fatto decisamente colpo, la scuola di Michael Haneke ma soprattutto Yorgos Lanthimos sta facendo proseliti?
Avevo letto commenti non troppo lusinghieri su questo film, a convincermi a vederlo è stato l'amico Karda, che saluto con affetto e ringrazio per avermi convinta.
Ecco il mio parere: questo film è una bomba.

Comincia decisamente in modo tragico, il suicidio della figlia più piccola il giorno del suo compleanno, nonostante la tragedia, la famiglia sembra andare avanti pigliata a pugno dal patriarca, che sembra usare modi decisamente violenti, con i suoi figli, ma non la violenza che conosciamo, il suo è un gioco psicologico che tiene a bacchetta tutti quanti.
Questa comunque non è una famiglia normale, lo si capisce dai gesti quotidiani, in cui il suicidio della piccola sembra più un incidente di percorso che una tragedia.
La madre è decisamente assente, sembra un automa e a dirigere il tutto è sempre il padre; costantemente presente anche quando non dovrebbe esserlo, assillante opprimente, sembra che ti stia col fiato sul collo e te ne accorgi scena dopo scena.
Ma poi, la cosa che mi ha fatto inorridire è...ma come ca**o fanno le assistenti sociali a non accorgersi che: il padre pur non lavorando riesce a mantenere la famiglia, fa mangiare tutti, la casa è perfettamente pulita e in ordine, non c'è praticamente un pelo fuori posto, è chiaro che qualcosa non quadra, e lo spettatore pur trovando la cosa bizzarra cerca di capire cosa non va in questa famiglia.
Il regista, che qui ci ha azzeccato con la costruzione della trama intelligentissima per giunta, costruisce il tutto gradatamente, e accompagna lo spettatore verso una verità ancora più tragica e terribile, che poi sarebbe il motivo del suicidio della piccola di casa; la verità fa venire la pelle d'oca e lascia gli occhi sgranati per quanto sia terrificante.
Un film difficile, su un tema particolarmente complesso, che non rivelo se non avete visto il film, per non spoilerare, e che comunque merita di essere visto, soprattutto per capire le dinamiche sul controllo mentale ordito all'interno di una famiglia apparentemente perfetta dal capo-famiglia, che si rivela più un padre-padrone che solo padre.
Ma vi assicuro di una cosa, c'è chi lo amerà - come me per esempio - e chi lo odierà, ma una cosa è certa, non lo dimenticherete facilmente.
Voto: 8




Commenti

  1. Grazie per la menzione!!! Sono contento di non sbagliare quasi mai quando consiglio la visione di un film... Il fatto è che un film lo consiglio se ho quasi la matematica certezza che si tratti di una "bomba" come lo hai definito tu... Anche a Valentina ho consigliato un po' di Film e ho sempre ricevuto ringraziamenti e mai maledizioni... ^_^ Ancora ripenso al momento in cui Avranas svela l'arcano... Bocca e occhi spalancati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, stessa cosa è capitata anche a me...sbalordita, non ci potevo credere :)

      Elimina
  2. Per me invece si è trattato di una mezza delusione. troppa carne al fuoco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. jean jaques, come se dice, de gustibus non te preoccupà :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.