Passa ai contenuti principali

My Summer of Love

Ooooh e che abbiamo oggi?
Eccolo, altro titolo suggerito da J Doinel, quel ragazzo è un vulcano di idee, devo ammettere però che mi consiglia film interessanti e bellissimi, dovrebbe scrivere di più nel suo blog...vabè andiamo al film xD.
Mona è una ragazza della classe operaia, vive da sola con suo fratello ex alcoolista ora uscito di prigione, ora diventato un fanatico religioso trasformando il suo pub in un luogo di preghiera.
Mona incontra Tasmin, una ragazza di estrazione sociale più agiata, figlia di un membro del parlamento britannico, che le dice di avere una sorella anoressica morta suicida.
Mona si illude di aver trovato un amore sincero anche se la persona che ama ha il suo stesso sesso, ma quando si accorgerà che la sorella di Tasmin è viva e vegeta e gode di ottima salute, capirà che è stato tutto una finzione, una recita, così il rapporto che credeva vero rischia di sfociare in tragedia.

Il film sottolinea la perdita dell'innocenza, e la non comprensione di cosa vige dietro la maschera della persona di cui ci invaghiamo.
Chi conosce veramente la persona di cui siamo innamorati? Avvolte si vive accanto a una persona senza conoscerla affatto; Pawel Pawlikowski, già presente alla fabbrica con IDA, firma il suo film in apparenza più solare, anche se la tematica LGBT è si sottolineata, ma in modo lieve, accarezzando le due protagoniste, facendole avvicinare al pubblico in modo sincero, come è sincera Mona, la cui immedesimazione col personaggio è immediata.
Chi di noi non si è sentito come Mona almeno un momento della nostra vita? Tralasciando la tematica omosessuale, perchè l'amore è amore, di qualsiasi colore od orientamento si presenti.
Il film è anche un gioco di specchi, in cui le due protagoniste si incrociano e provano qualcosa, ma è veramente accaduto qualcosa tra loro due? Io credo di si, anche se per un solo istante, non importa se una delle due ha finto così per gioco o per cattiveria, questo il regista non ce lo mostra, presenta soprattutto la superficialità di Tasmin - interpretata da Emily Blunt, qui ai suoi primi ruoli importanti - e la sincerità di Mona il vero fulcro del film, che si presenta per quello che è, forse illudendosi di provare qualcosa di vero per una volta nella vita, poi c'è la catarsi, quando la verità prende il sopravvento, e la rabbia che si prova perchè ci si accorge che tutto quello che hai vissuto in quella bellissima estate era solo finzione, non verità, e ti crolla il mondo addosso, un mondo fatto di illusioni e parecchi inganni; allora qui si perde un briciolo della tua innocenza, e comincia la consapevolezza che ormai tutto è cambiato, anche tu: nulla può tornare come prima.
Un film amaro, diretto da un autore capace di parlare e far riflettere, su quello strano sentimento capace di accecare, ma allo stesso tempo dolce e amaro, di cui le persone non possono fare a meno. Quel sentimento è l'amore.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.