Passa ai contenuti principali

We Are The Best

Questo è il cinema da tenere in considerazione.
Effettivamente ci troviamo di fronte a uno dei migliori - se non il migliore - film dell'anno, non vorrei fare la presuntuosa, ma essendo il mio parere mi posso permettere di dire la mia.
E' la storia di tre ragazzine che mettono in piedi una punk band in svezia, storia tratta dalla Graphic Novel  Aldrig Godnatt di Coco Moodysson, moglie del regista, ed è la storia di Bobo e Clara, amiche per la pelle che stanno sempre insieme, persino a scuola e mettono in piedi una band, ma il sogno di formarla avviene con l'arrivo di Hedvig, un altra ragazza che si taglia i capelli come loro suscitando le ire della madre...

Parlando del film il regista  voleva fare un film che mostrasse la vita, e nonostante tutto vale la pena di essere vissuta.
Innanzitutto devo dire che l'ho trovato originale fresco, e pieno di sorprese, come ho detto all'inizio della recensione questo è il cinema da tenere in considerazione, primo perchè parla di adolescenti, un età che è sia di ribellione, sia di crescita e scoperte.
Un film delizioso e intelligente, che parla realmente di come si è a quell'età senza artifici ed è proprio questa la sua forza.
Suonare, perchè si ha voglia di farlo, sbagliare, perchè si ha voglia di farlo, anche imparare dai propri errori, cantare, anche quando tutti ti prendono in giro, avere una famiglia che non ti capisce e cercare di essere sempre te stessa, anche se non ci riesci, cazzeggiare, anche quando gli altri vanno per un altra strada e via dicendo.
L'idillio della band, viene messa in crisi da un ragazzo, di cui Bobo e Klara si innamorano, ma l'amicizia è più forte di qualsiasi relazione amorosa, come la passione per la musica, anche se all'inizio non sapevano suonare, ma sarà Hedvig, nonostante tutto a rimettere insieme la band, anche per una sola serata.
Un film sincero diretto da un regista precedentemente presente alla fabbrica, Lucas Moodysson, autore di Liljia 4ever e Fucking Amal, viene dalla Svezia e ci ha donato un altro gioiellino da vedere e collezionare.
Consigliatissimo, se volete una commedia intelligente che parla di ragazzi, io cercherò di trovare la graphic novel, per leggerla dato che il film mi è piaciuto moltissimo.
Questa volta evita di girare un film drammatico, per una storia più solare e sentita, ma soprattutto molto ispirata.
Voto: 9



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.