Passa ai contenuti principali

Breathe In

Drake Doremus è un regista che prima non ho mai sentito nominare, ma grazie a quel grande calderone che è internet, e soprattutto i siti di streaming dove ci trovi di tutto e di più, capita che incroci lo sguardo sulla trama di una pellicola che ti ispira la visione e zacchete, guardi il film.
Per Breath In, che rientra nei meandri di *ScreenCult, rassegna nata sull'onda di rinnovare il blog e di renderlo più vicino ai gusti dei grandi cinefili, oltre che ai cinefili onnivori, un po' come me diciamo; è un film indipendente che sembra prendere la bella foto di una famiglia, e di farla in mille pezzi; mi spiego meglio: Il regista racconta la storia dell'arrivo di una ragazza in una famiglia, Sophie, il suo arrivo sarà come una miccia che si accenderà e cambierà le loro vite per sempre sfidando le dinamiche delle relazioni tra quei familiari.

Sophie si infatua di Keith, e tra i due sfocia una relazione platonica, mai del tutto consumata, lui è attratto dalla freschezza della sua gioventù, lei dal suo talento musicale, anche se considera la musica un imposizione più che una libera scelta.
Da quel momento però gli equilibri della famiglia si sfaldano, e piano piano quelle timide certezze esplodono in una cruda realtà fatta di castelli di carta che cadono portando alla luce le cosidette convenzioni sociali, le ipocrisie e tante altre cose...il nucleo familiare non è come appare.
Ma c'è di più, e qui il regista è stato molto bravo nel descriverlo, non racconta solo il disfacimento di quella famiglia, ma, a noi che guardiamo il film, ci mette in esame quasi come se ci identificasse con i protagonisti del film.
Quante volte siamo stati sicuri del nostro nido, poi ci svegliamo un giorno e scopriamo che quel nido che rappresenta un po' le nostre sicurezze, in realtà è solo un illusione che ci siamo costruiti?
E' successo molte volte, qui il regista manda in frantumi il cosidetto sogno americano, attraverso il nucleo familiare apparentemente perfetto, che poi così perfetto non lo è, quasi come se criticasse le incomprensioni e la crisi della famiglia, che viene fuori grazie all'arrivo di Sophie, ragazza inglese che manda in crisi le certezze del capofamiglia e di sua moglie, non ultima però c'è anche la figlia, in crisi adolescenziale.
Eppure nonostante tutto, Drake Doremus termina il film così come è cominciato, con la preparazione di un ritratto familiare, anche se prima c'erano i sorrisi, a contornare il tutto.
Breath In è il ritratto di una famiglia in crisi, le cui certezze sono come piedi d'argilla, ognuno di loro vorrebbe segretamente qualcosa di più dalla vita, e soprattutto si aspetta molto dalle persone che ci vivono accanto, non accontentandosi di accettare gli altri per come sono, il che è una cosa normalissima, e così basta la presenza di un estraneo per farci fuoriuscire dalla realtà e costruire una realtà desiderata piuttosto che affrontare i problemi di ogni giorno e risolverli...c'è forse un limite all'amore?
Questa è l'unica domanda che mi sono fatta dopo la visione del film, e voi se lo vedete quale domanda vi ponete dopo la visione?
Un bel film, molto sentito, nudo crudo e sincero, come solo il cinema indipendente riesce a fare ultimamente.
Voto: 7





Commenti

  1. questo non l'ho ancora visto ma me lo segno, ti consiglio il suo precedente Like Crazy, veramente carino, se ti interessa questo quanto scrissi a suo tempo http://bradipofilms.blogspot.it/2012/04/like-crazy-2011.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vengo a leggere subito ^_^ cmq il film ce l'ho e ben presto lo vedrò :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.