Passa ai contenuti principali

Blue Caprice

Blue Caprice è il film che non ti aspetti.
Da una parte, c'è la storia vera di una persona John Allen Muhammad che plagia un ragazzino per fargli commettere dei delitti, Lee Boyd Malvo; da un altra c'è la storia di un uomo che ha perso praticamente tutto, ma quel che è peggio è che ha perso totalmente la testa, e dentro di se è piena d'odio e rancore, e allora decide di far fuori tutti coloro che non accetta, ovvero dei bianchi.
Bianchi che non permettono di costruire una società utopica come la vorrebbe lui, un viaggio sanguinario che coincide con la sua follia e che trascina con sè anche il figliastro, per il semplice motivo che ha perso tutto ciò che aveva, la moglie, i figli, tutto quanto.
Il film è il racconto di due assassini, dentro una spirale di follia che uccidono a caso, e senza motivo degli esseri umani, un bagno di sangue che terminerà grazie all'intervento delle forze dell'ordine, esattamenta a Washington DC nel 2002.
Un film spietato e reso ancora più incredibile da una regia asciutta, senza fronzoli, capace di andare subito al sodo senza particolari forzature, praticamente raccontando la storia come se noi spettatori fossimo accanto agli assassini, a guardare le loro mosse, ad assistere alle loro discussioni...allucinante...
La cosa che mi ha scosso di più però è il fatto di vivere dentro la follia, sullo schermo ascoltare le parole di Mohammad e non condividerle affatto, restando impassibile a tutto.
Quello che fa più paura, e che mi ha inquietata maggiormente, è fin dove può arrivare la rabbia di una persona?
Fino a dove si può capire quando non hai nulla da perdere allora fai letteralmente il c**o agli altri?
E' possibile che la rabbia esplode in un turbine di violenza incapace di fare ragionare e di fare capire che quello che si sta facendo è sbagliato? Che si stanno recidendo vite umane senza alcun motivo?
Un film da pelle d'oca, in tutti i sensi, ma ovviamente non è un capolavoro, ha anche i suoi difetti, primo l'opera scorre lenta e da l'impressione allo spettatore che il regista non sappia realmente cosa intende raccontare, secondo, nonostante la sua capacità di creare tensione, l'autore in questione sembra non sia capace di personalizzare l'opera.
E' un film ancora grezzo di un autore che deve ancora crescere, nonostante ciò si lascia vedere bene, con tutti i suoi difetti.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.