Passa ai contenuti principali

Blue Caprice

Blue Caprice è il film che non ti aspetti.
Da una parte, c'è la storia vera di una persona John Allen Muhammad che plagia un ragazzino per fargli commettere dei delitti, Lee Boyd Malvo; da un altra c'è la storia di un uomo che ha perso praticamente tutto, ma quel che è peggio è che ha perso totalmente la testa, e dentro di se è piena d'odio e rancore, e allora decide di far fuori tutti coloro che non accetta, ovvero dei bianchi.
Bianchi che non permettono di costruire una società utopica come la vorrebbe lui, un viaggio sanguinario che coincide con la sua follia e che trascina con sè anche il figliastro, per il semplice motivo che ha perso tutto ciò che aveva, la moglie, i figli, tutto quanto.
Il film è il racconto di due assassini, dentro una spirale di follia che uccidono a caso, e senza motivo degli esseri umani, un bagno di sangue che terminerà grazie all'intervento delle forze dell'ordine, esattamenta a Washington DC nel 2002.
Un film spietato e reso ancora più incredibile da una regia asciutta, senza fronzoli, capace di andare subito al sodo senza particolari forzature, praticamente raccontando la storia come se noi spettatori fossimo accanto agli assassini, a guardare le loro mosse, ad assistere alle loro discussioni...allucinante...
La cosa che mi ha scosso di più però è il fatto di vivere dentro la follia, sullo schermo ascoltare le parole di Mohammad e non condividerle affatto, restando impassibile a tutto.
Quello che fa più paura, e che mi ha inquietata maggiormente, è fin dove può arrivare la rabbia di una persona?
Fino a dove si può capire quando non hai nulla da perdere allora fai letteralmente il c**o agli altri?
E' possibile che la rabbia esplode in un turbine di violenza incapace di fare ragionare e di fare capire che quello che si sta facendo è sbagliato? Che si stanno recidendo vite umane senza alcun motivo?
Un film da pelle d'oca, in tutti i sensi, ma ovviamente non è un capolavoro, ha anche i suoi difetti, primo l'opera scorre lenta e da l'impressione allo spettatore che il regista non sappia realmente cosa intende raccontare, secondo, nonostante la sua capacità di creare tensione, l'autore in questione sembra non sia capace di personalizzare l'opera.
E' un film ancora grezzo di un autore che deve ancora crescere, nonostante ciò si lascia vedere bene, con tutti i suoi difetti.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…