Passa ai contenuti principali

Lo Specchio

Riguarda & Recensisci
E' difficile fare una recensione di un film che si reputa dalle immagini come qualcosa di eccezionale, ecco io credo sia un sacrilegio anche solo usare il cinismo della semplice recensione per questo film che reputo un opera d'arte, e non è la prima volta che lo vedo, quindi bene o male dovrei essere abituata ormai a scrivere recensioni su recensioni e via dicendo.
La trama racconta di un uomo, Aleksei, in fin di vita che con i ricordi ripercorre la sua vita, dall'infanzia alla separazione della moglie e dal figlio, in particolare si noti che la madre e la moglie, sono interpretate dalla stessa attrice Margarita Terekhova, in un intreccio che identifica le due figure.
Eppure davanti a questo film sono in soggezione, se ne dovrebbe parlare come una somma opera da vedere e rivedere per mostrare la poetica e la bellezza espressa sullo schermo di un autore che considero ormai come un guru spirituale - non a caso Bergman definì Tarkovskij, il poeta del cinema, - e Bergman per me è un punto di riferimento affettivo e sentito, ma questa è tutta un altra storia.
Questa mia è una recensione non recensione, anche perchè essendo in vacanza sono in pausa, ma volevo scrivere di questo film e mi sono presa un po' di tempo per riflettere e essere ispirata al massimo per convincermi a buttarmi e prendere coraggio.
Una vita intera vista attraverso uno specchio, immaginate le immagini, la musica, ora inserisco le foto per farvi venire un idea ben precisa, anzi, più che precisa abbozzata, perchè di per se il film è un esperienza che in un certo senso ti cambia la vita.



Sarebbe bello riuscire a parlare di cinema senza dare stupidi voti non è vero? Eppure per la recensione un voto lo devo dare purtroppo.
Queste fotografie espongono solo un minimo di cosa è il film in realtà, un film che racchiude tutto quanto, il presente, il passato, la nostalgia dell'infanzia - il film è sull'infanzia si può dire - l'incertezza del futuro,i rimpianti, la gioia, il dolore, Tarkovskij dipinge un po' se stesso - il film è autobiografico, e lo specchio del titolo non è letterale, ma metaforico, come se il protagonista fa il punto della sua vita, dei suoi affetti, di cosa è fondamentale per lui e tanto altro ancora, e attraverso questo, rivede il suo passato ve l'ho detto è difficile per me parlare di questo film - sono una fifona lo so, e non ce ne è proprio ragione dato che è solo un film, però se tutti i film fossero così...sarebbe troppo bello non trovate?
Che altro dire se non di cercare subitissimo questo capolavoro e vederlo e rivederlo? Io senz'altro lo rivedrò, per trovare altri spunti, magari in questi giorni di vacanza, quello che vi consiglio è di provare almeno per una sola volta, cosa vuol dire guardare un film di Tarkovskij nella vostra vita, è catartico, qui lui espone il senso della vita, dell'amore, del distacco con una poetica senza pari, usando schemi universali unici e sentiti al massimo, in un opera che non può che essere diretta da un genio assoluto della settima arte, quale era il grande Andrej Tarkovskij, e per quanto mi riguarda, se Fanny e Alexander mi ha messa completamente a nudo, Lo Specchio mi ha rivoltata come un calzino, letteralmente.
Voto: 10


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…