Passa ai contenuti principali

X-Men - Giorni di un futuro Passato

Secondo capitolo della nuova trilogia di X-Men, che vede come protagonisti i nostri eroi alle prese con un futuro apocalittico, in cui i mutanti sono stati sterminati da delle sentinelle gestiti dagli umani.
Il film comincia durante la guerra, che vede i nostri eroi alle prese con una decisione importante: fare andare nel passato Wolverine per evitare l'omicidio di uno scienziato da parte di Mystica e sventare in questo modo il conflitto; ma la verità riserva infinite sorprese.

Bryan Singer torna con gli X-Men e questa volta lo spettacolo è molto più affascinante e coinvolgente.
Dimenticatevi il primo capitolo di questa nuova trilogia, che seppur intrigante e spettacolare era pur sempre una ghiotta avventura; in questo film, che è decisamente più maturo e drammatico, il regista ha voluto puntare molto su degli elementi tipici dei film d'azione e fumettistici per spingerli fino all'estremo, riuscendo nella difficile impresa di non perdere il filo del discorso, tenendo sempre presente l'alchimia tra lo spettatore e il suo coinvolgimento nella storia.
Non è certamente cosa facile, soprattutto perchè film di qusesto genere se non sono nelle mani giuste possono essere riempiti di effetti speciali a go go, e risultare vuoti e pacchiani, questo non è vuoto anzi; lo spettacolo è garantito, c'è il divertimento, l'intrattenimento e pure il coinvolgimento, come se lo stesso Singer invitasse il pubblico a provare i sentimenti dei suoi protagonisti.
Non è certo un capolavoro ma un buon film lo è sicuramente, soprattutto grazie a uno script folgorante e un limitato uso di effetti speciali, che per un blockbuster sono quasi una regola vitale, ma questo sottolinea anche la capacità di Singer di saper raccontare storie, e a differenza di tanti registi hollywoodiani, questa è più un utopia che una capacità.
La regola principale per un blockbuster è saper avvicinare il pubblico, non sono molti i cosidetti giocattoloni che ci riescono - Michael Bay ne è un esempio allucinante - questo film pur essendo un blockbuster o giocattolone, riesce a dare l'idea di superare il suo essere giocattolone, e fare il suo onesto lavoro di intrattenimento divertendo il pubblico ma allo stesso tempo incollarlo alla poltrona.
Questo signori miei è una cosa più unica che rara ai nostri giorni.
Mi è piaciuto.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.