Passa ai contenuti principali

Hotell

Volete avere un figlio?
State alla larga da questo film, no sinceramente; e concordo con l'amico Cannibale che quando l'ha recensito lo ha specificato in maniera schietta e sincera come suo solito fare, ve lo dico pure io.
Non volete avere figli? Guardate pure, ma dubito che questo film possa farvi venire voglia di procreare, oddio non è ai livelli di Daisy Diamond, che prossimamente recensirò, ma per la storia che racconta di una depressione, ci avviciniamo parecchio al problema.
Si avete capito bene, il film racconta la depressione di una madre, che ha partorito in maniera traumatica e non riesce a creare il rapporto madre/figlio con la sua creatura, in poche parole, ha paura del suo ruolo di madre, e allora entra in una clinica per superare questa sua angoscia, e trova sostegno nelle persone in terapia: riuscirà a superare il suo trauma ed accettare il suo ruolo materno e cominciare abbracciando suo figlio?
Il film tratta di un tema molto delicato e complesso come il rapporto tra madre e figlio, reso ancora più difficile da un parto traumatico, che sarà per la protagonista il crollo psicologico che la porterà a rifiutare di andare a visitare il figlio, che si trova in incubatrice, e qui crolla persino il rapporto con suo marito, come fare a riemergere?
Il film è diretto da una donna, e qui già si comprendere una certa sensibilità ad affrontare certi temi, bravissima l'attrice protagonista, Alicia Wikander, la sua performance da i brividi per quanto riesce a colpire e a restarti dentro.
Eppure questa figura materna la si riesce a comprendere, il suo dolore, la sua paura, e anche la voglia di ricominciare dopo aver superato il trauma, che si risolverà non appena accadrà un fatto con un bambino, in cui vede suo padre maltrattarlo.
Un film intenso e sorprendente, anche se lacerante, che certamente non si dimentica facilmente, soprattutto perchè c'è un lavoro di regia e sceneggiatura attento a creare empatia con il pubblico, anche se il tema non  è certo da film d'evasione per così dire.
Grandissimo film, merita senz'altro una visione, e anche dieci o quante volete voi.
Astenetevi se siete in depressione.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…