Passa ai contenuti principali

Hotell

Volete avere un figlio?
State alla larga da questo film, no sinceramente; e concordo con l'amico Cannibale che quando l'ha recensito lo ha specificato in maniera schietta e sincera come suo solito fare, ve lo dico pure io.
Non volete avere figli? Guardate pure, ma dubito che questo film possa farvi venire voglia di procreare, oddio non è ai livelli di Daisy Diamond, che prossimamente recensirò, ma per la storia che racconta di una depressione, ci avviciniamo parecchio al problema.
Si avete capito bene, il film racconta la depressione di una madre, che ha partorito in maniera traumatica e non riesce a creare il rapporto madre/figlio con la sua creatura, in poche parole, ha paura del suo ruolo di madre, e allora entra in una clinica per superare questa sua angoscia, e trova sostegno nelle persone in terapia: riuscirà a superare il suo trauma ed accettare il suo ruolo materno e cominciare abbracciando suo figlio?
Il film tratta di un tema molto delicato e complesso come il rapporto tra madre e figlio, reso ancora più difficile da un parto traumatico, che sarà per la protagonista il crollo psicologico che la porterà a rifiutare di andare a visitare il figlio, che si trova in incubatrice, e qui crolla persino il rapporto con suo marito, come fare a riemergere?
Il film è diretto da una donna, e qui già si comprendere una certa sensibilità ad affrontare certi temi, bravissima l'attrice protagonista, Alicia Wikander, la sua performance da i brividi per quanto riesce a colpire e a restarti dentro.
Eppure questa figura materna la si riesce a comprendere, il suo dolore, la sua paura, e anche la voglia di ricominciare dopo aver superato il trauma, che si risolverà non appena accadrà un fatto con un bambino, in cui vede suo padre maltrattarlo.
Un film intenso e sorprendente, anche se lacerante, che certamente non si dimentica facilmente, soprattutto perchè c'è un lavoro di regia e sceneggiatura attento a creare empatia con il pubblico, anche se il tema non  è certo da film d'evasione per così dire.
Grandissimo film, merita senz'altro una visione, e anche dieci o quante volete voi.
Astenetevi se siete in depressione.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.