Passa ai contenuti principali

Il Fuoco della Vendetta - Out of The Furnace

Questa è una storia di vendetta...una storia amara narrata con stile narrativo da Scott Cooper e prodotta da Ridley Scott e Leonardo Di Caprio.
Avvolte si ha l'impressione di assistere a un opera cinematografica a cui manca qualcosa, ma è soltanto una sensazione, che va via via scemando man mano che il film va avanti.
Devo ammettere che ho appena terminato di vederlo e non mi è affatto dispiaciuto, anche se da qui a considerarlo capolavoro ce ne passa eh?

Christian Bale è bravissimo come sempre e non perde mai di vista la solitudine che caratterizza il suo personaggio, Russell, un operaio uscito di prigione per colpa di un incidente in cui sono morte due persone, e si accorge che il fratello Rodney è entrato in un brutto giro, legato agli incontri di lotta illegali.
Colui che organizza questi incontri, John Petty - a proposito interpretato da un grandissimo Willem Dafoe bentornato, la sua presenza vale la visione del film - invita Rodney a rifarsi una vita normale con un lavoro in fabbrica, perchè vuole liberare il ragazzo da alcuni loschi affari che lo legano a Curtis deGroat, una specie di gangster locale con cui ha un debito.
Il ragazzo decide comunque di combattere, non prima di aver scritto una lettera a suo fratello, dove gli dice che questo sarà l'ultimo combattimento, poi cambierà vita; non farà in tempo a terminare l'incontro che lui e John vengono raggiunti dalla banda di Curtis che li fa fuori a sangue freddo...
Purtroppo non c'è via di scampo e la polizia non ha la giurisdizione per incastrare Curtis, così ci pensa Russell a risolvere la questione.
Un film che cresce piano piano, e che cammina sul binario della narrazione, facendo in modo che sia lo spettatore ad essere accompagnato e - cosa importante - a immedesimarsi nei protagonisti, una forma di rispetto così è molto rara al giorno d'oggi da parte di un regista, io credo sia lodevole, e Cooper ha questa capacità di non tergiversare con scene al cardiopalma, o fracassone, ma catapultando lo spettatore in maniera del tutto calma, nella vita dei personaggi.
Alcuni troveranno questo film un po' superficiale, altri non lo ameranno, certamente non tutti i film sono uguali, ma questo film ha soddisfatto in pieno le mie aspettative, in effetti merita di essere visto, anche perchè la recitazione degli attori è favolosa, e credetemi, non tutti i film mi hanno fatto questa impressione.
Dopo la visione avevo detto gli do un sei e mezzo, ora ho cambiato idea...questo film merita di più.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.