Passa ai contenuti principali

Liberaci dal Male - Deliver us From Evil

Come avevo detto nell'anteprima della rubrichetta sui titoli settimanali usciti al cinema? Ah si, horror, andiamoci cauti, ebbene gli ho dato una chance, e la consapevolezza di aver preso una cantonata non mi lascia da quando ho terminato di vederlo.
Il film è stato una delusione cocente, uno degli ultimi fondi di magazzino delle case di distribuzione, fatti al solo scopo di racimolare soldi, ma diciamocelo se ne sentiva la mancanza? Assolutamente no.
Un horror che annoia, punto.
Non ci sono altre scuse per descrivere questo sconclusionato film di Scott Derrickson, che ogni volta che avviene quella scena volta a farlo decollare si sgonfia come una bolla di sapone, non bastano qualche rumore e il buio per ottenere paura, le atmosfere ci sono ma manca una organizzazione e maggiore ordine per quanto riguarda la trama.
Il regista non sa che pesci pigliare, il plot fa acqua da tutte le parti e lo si nota scena dopo scena, i protagonisti non ce li vedo in un film di paura, ma in un film d'azione o poliziesco ci starebbero bene.
Eric Bana e Edgar Ramirez sono due belloni, anzi bonazzi, me lo spiegate perchè un prete deve essere coi capelli lunghi e strafigo da paura? E' questo che non riesco a capire, apparte la regia assente, e articoli in cui ho letto che era un bel film - fatto che mi ha spinto a vederlo, quanto vorrei prendere a bastonate colui che ha scritto sta cavolata - il film è di una noia mortale, per tutta la durata c'è un buio assoluto, in cui si vedono i protagonisti cercare di decifrare una scritta che invoca un demone, e cercare soprattutto di capire cosa ha spinto diverse persone a commettere atti come gettare il proprio figlio nella fossa dei leoni, o picchiare a sangue la moglie...il tutto è spiegato sin dall'inizio del film, anche se si capisce poco, quindi cosa c'è da spiegare nelle quasi due ore di durata del film?
Il regista poi non riesce a raccontare la storia, e la infarcisce di scene senza senso gettate così, in cui si capisce benissimo che non era un progetto personale ma su commissione, durante la visione vorresti fare altro perchè non ti coinvolge, resti come un ebete perchè non si capisce un accidenti, non c'è empatia, nulla, nada de nada.
Cosa rimane di questo film? La delusione di aver sprecato il mio tempo dietro a un film - che ho visto ieri - che nonostante le mie aspettative ed erano alte soprattutto dopo che ho letto la trama non è in grado di soddisfare neanche una minima parte di quello che promette e non mantiene.
Se volete vedere un horror demoniaco da paura, rispolverate L'esorcista di William Friedkin e soprattutto Angel Heart - Ascensore per l'inferno, che oltre a spaventare inquieta.
Voto: 3


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.