Passa ai contenuti principali

Frances Ha

Questo è un film adorabile.
Come si fa a non amarlo?
Prima di tutto perchè non è la classica storia strappalacrime, o superficiale come una commedia romantica.
Frances Ha racconta un altro tipo d'amore: l'amicizia.
Un sentimento poco approfondito al cinema fino ad ora, ma affrontato in modo fresco e brillante, con continui rimandi alla Nouvelle Vague, sia nella fotografia che nella travolgente colonna sonora.
Vuoi mettere andare al cinema e guardare questo piacevolissimo film e respirare le atmosfere di quel movimento che ha cambiato notevolmente il modo di fare cinema più di mezzo secolo fa?

Noah Baumbach con la sua compagna, nonchè protagonista e co-scenegiatrice del film Greta Gerwin fanno un sentito omaggio a quella scuola francese, la Nouvelle Vague con un film d'autore che si guarda tutto d'un fiato.
E' impossibile non distogliere lo sguardo dallo schermo e non provare ad affezionarsi con la protagonista, che soffre molto perchè Sophie la sua migliore amica, con cui ha un feeling speciale, si è innamorata e ha deciso di vivere con il suo fidanzato, lasciandola sola.
Da questo momento per Frances inizia un periodo di adattamento che la costringerà a vivere senza la sua amica, ma anche a frequentare persone diverse: ce la farà a vivere senza Sophie? E Sophie, si adatterà anche lei a questa convivenza, oppure sarà per lei un altro rapporto passeggero?
Qualche benpensante magari potrebbe trovarci un sottofondo lesbico, ma vi dico subito che è una ca**ata bella e buona, il film non tratta di questi argomenti, anche se fosse il contrario non ci sarebbe nulla di male.
Una fresca e spensierata commedia che parla d'amicizia, una forma d'amore mai del tutto approfondita al cinema, - soprattutto per quanto riguarda il mio percorso sottolineo - ma che nelle mani di Baumbach - di cui  in passato ho visto Il Matrimonio di mia Sorella e Il Calamaro e La Balena - diventa un apologo sulle cose che veramente contano nella vita, le piccole cose e cosa ancora più importante, gli amici.
Tutto qui mi direste voi, e io dico si, è una storia semplice, da bere tutta d'un fiato, soprattutto perchè riesce a divertirti senza essere patetica, anzi, durante la visione ti mette stampato un sorriso in faccia a 32 denti e ti fa adorare il personaggio di Frances, no ragazzi davvero, ora esagero un po' tanto per fare la pomposetta - bleeeeeeeeeeaah, eh si le arie me le voglio prendere pure io hihihi - per tutta la durata del film IO ERO FRANCES, mi sono sentita tale e quale a lei, durante la visione, soprattutto per la sua passione del ballo, cos'altro dire, un film delizioso e intrigante, capace di fare divertire e coinvolgere - cosa rara di questi tempi - grazie alla capacità di tradurre sullo schermo uno script favoloso coaudiuvandolo con una colonna sonora strepitosa e fantastica, cos'altro dire?
Ah si, il film esce il 4 settembre da noi - finalmente - io l'ho visto in streaming per questo ne sto parlando qui.
Correte a vederlo, ma vi avviso non prendetevela con me se ad un tratto per strada vi viene voglia di ballare sulle note di modern love di David Bowie Okay? xD
Voto: 8








Commenti

  1. pure io l'ho adorato.
    frances idola totale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si fa a non adorarla? Io mi sono sentita Frances, anzi io SONO Frances, e scusa se è poco <3

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.