Passa ai contenuti principali

Arrivederci amore ciao

Un terrorista torna in italia  e si rifà una vita come persona rispettabile, con casa moglie e una nuova identità, diventa una persona molto ricca grazie all'aiuto di una persona che lo fa intraprendere una strada in una azienda, ma per fare questo visto che si trovava in nordamerica, si consegna alla polizia e fa i nomi dei suoi precedenti compagni, così scontata una pena minima, esce per buona condotta e comincia la sua vita da normale cittadino, fino a quando i suoi vecchi compagni si fanno vivi per vendicarsi del suo tradimento...
Un film estremo terrificante, non perchè sgorga sangue, o ci sono scene splatter e via dicendo, ma per la crudeltà del protagonista nel cancellare ogni traccia del suo passato, lui non guarda in faccia nessuno, e per proteggere quello che ha costruito a spese dei suoi ex compagni è capace di fare qualsiasi cosa, anche di uccidere, in parole povere, lui vuole che niente e nessuno intacchi la sua vita di persona rispettabile, altrimenti esce fuori una violenza senza limiti che trasforma in mostro un "tranquillo signore onesto e per bene".
Non vi stupite delle mie virgolette, questo signore qui è davvero un mostro che non guarda in faccia niente e nessuno, neanche quando alla fine si trova di fronte alla ragazza che ha deciso di sposare...ma non vi dico altro per non rovinarvi la sorpresa.
E c'è una sorpresa in questo film ed è Michele Soavi, regista di cui avevo sentito parlare tempo fa e che ancora non avevo visto niente di  lui fino a questo film.
La sua regia è in assoluto tagliente e graffiante, nessuno è come appare, e tanto meno è innocente, ma ogni colpa viene lavata a discapito di vite altrui che devono sottostare purchè una persona diventi pulita.
Ma la pulizia è solo esteriore, prima o poi tutti i nodi vengono al pettine, non si può sempre uccidere la gente per proteggere la tua bambaggia...
E Michele Soavi racconta questo mondo pulito che tanto pulito non è, l'immagine di se viene fatta a pezzi ed è proprio lo spettatore che vede cosa si nasconde dietro la rispettabilità e l'onestà...le cose non sono mai come appaiono agli occhi di tutti Giorgio - un bravissimo Alessio Boni che solo la sua presenza merita la visione del film - decise di far fuori il suo passato e cambiare vita...la fine è didascalica, ha vinto lui? Non lo sapremo mai, il regista ha deciso di ometterlo, forse perchè un po' voleva raccontare la storia di un antieroe, e diciamo che ci è riuscito in pieno.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.