Passa ai contenuti principali

The Paperboy

The Paperboy è un film controverso, difficile dire a primo impatto se ti piace o meno, ma una nota positiva ce l'ha: non è un film che lascia vuoti e freddezze, è un film che nel bene o nel male ti lascia dentro qualcosa.
I motivi sono evidenti, innanzitutto alla regia troviamo Lee Daniels, conosciuto grazie allo straziante Precious, e la protagonista femminile è una star che non ha bisogno di presentazioni: Nicole Kidman.
Oltre lei abbiamo Zack Ephron, Matthew McConaugey e John Cusack.
E' un film a tinte forti, che narra di un giornalista che si mette in contatto con una donna innamorata di un detenuto che rischia la pena capitale, e cercano di riaprire il caso perchè le prove a suo carico non sono schiaccianti, la donna ha l'abitudine di scrivere ai detenuti e grazie a lei conoscono Van Wetter.
Il fratello più piccolo del giornalista si innamora proprio della donna, e questo rappresenta un problema.
Il grande limite del film è che non si concentra sulle tematiche razziste, lasciando spazio a una storia di attrazione pericolosa tra il timido ragazzino, e Charlotte Bless, ma c'è da dire che è un film con scene piuttosto forti, che possono non piacere al grande pubblico, ma la sua forza sta proprio in questo, ed è qui che c'è il suo coraggio, il personaggio di Charlotte - magnificamente interpretato da una Nicole Kidman in forma smagliante - sboccato, volgare, sembra costruito come fosse una donna disposta pura  a darla per far liberare l'uomo che ama, da notare la scena della masturbazione a distanza tra i due, con davanti tutti i giornalisti, e anche la scena in cui urina sulla ferita del ragazzo che si innamora di lei perchè è stato morsicato da una medusa e via dicendo.
E' un film spiazzante, che può piacere o può essere mandato al diavolo a me ha spiazzato e non poco, ma c'è da dire che non lascia alquanto indifferenti e questo signori miei non è poco. Sinceramente non so se è un capolavoro, ma mi ha sorpresa, forse è uno di quei film che verranno rivalutati col tempo, e di questo ne sono più che sicura, ma non aspettatevi grande amore perchè o lo si ama o lo si odia, non ci sono vie di mezzo.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.