Passa ai contenuti principali

L'ipnotista


Lasse Hallström torna in Svezia per girare un thriller tratto dal romanzo di Lars Kepler, l'origine letteraria del soggetto, - in cui chi ha letto il romanzo fa sempre confronti tra l'opera letteraria e quella cinematografica ma questo è risaputo - è già un punto a suo sfavore.
Hallström, in questo film si dedica anima e corpo a narrare gli eventi in maniera precisa e millimetrica, dimenticando una cosa fondamentale: nel cinema thriller ci vogliono emozioni forti, ci vuole azione, niente da dire sulla regia che stilisticamente impeccabile, nè sulla recitazione degli attori, tra cui spicca la bravissima Lena Olin nel ruolo della madre del bambino rapito di cui si cercano le tracce.
La trama racconta di un ragazzo a cui è accaduto un incidente, ma al tempo stesso suo padre è morto nella palestra della scuola in cui insegnava, come si sono svolti i fatti?
A ricostruire il tutto ci pensa appunto un ipnotista, a cui è stato rapito il bambino, chi si nasconde dietro questi crimini?
Sinceramente è un film che non decolla mai, a causa di un prolungamento delle storie dei protagonisti, delle loro paure, e anche di ricostruire i fatti - che fin qui nulla di male, ma un po' di azione avrebbe giovato - il regista non sa dosare bene gli ingredienti della trama, e si finisce di assistere a un film dalle molteplici potenzialità che non vengono sfruttate fino in fondo.
E' un peccato perchè il film che già risente della natura letteraria, se avesse avuto una impronta personale ne avrebbe giovato parecchio, fattostà che Hallström non va fino in fondo, non è capace di osare, nè di stupire il suo pubblico, poteva fare di questo film un piccolo capolavoro, ma la sua regia si perde dietro stereotipi e dialoghi esistenziali che non hanno nulla a che fare con l'azione e le emozioni.
La ricostruzione del film è eccellente, ma si perde per non sapere dare ciò che il pubblico vuole in un thriller, in conclusione, un film che bene o male si fa vedere, ma che non da l'outing che un film thriller dovrebbe dare al suo pubblico.
NON MALE MA SI POTEVA FARE DI PIU'
Voto: 6



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.