Passa ai contenuti principali

Stone

Questo si che è un bel film.
Innanzitutto abbiamo come protagonisti due pezzi da novanta, il magistrale Robert De Niro autentico veterano del grande schermo, e il giovane e altrettanto grande Edward Norton, in un film drammatico che sembra più un noir, e per completare il triangolo abbiamo anche Milla Jovovich che interpreta la moglie  di Gerard "Stone" Creeson, detenuto che sta richiedendo la libertà vigilata per uscire di prigione dopo l'omicidio dei suoi nonni e ha incendiato la loro casa.
L'uomo che dovrebbe aiutarlo ad uscire si chiama Jack Mabry, - un magistrale Robert De Niro - che ha una grande fede e senso dell'onore, anche se l'inizio del film lo vediamo come un marito violento, forse il tempo avrà cambiato qualche cosa...e questo il regista furbescamente non ce lo fa notare.
Abbiamo di fronte un film costruito come un noir dai risvolti drammatici, incentrato sul classico triangolo amoroso, formato da Gerard, sua moglie Lucetta  e Mabry, la moglie comincia pure a darla a Mabry pur di fare uscire di prigione il marito, ma questo è tutto manipolato da Gerard, che spinge sua moglie ad avere una relazione con il suo agente di sorveglianza, per inscenare un gioco psicologico dai risvolti drammatici.
Un filmone, uno di quei film in cui tutto non è come appare realmente, coaudiuvato da due grandissimi attori quali sono Robert De Niro e Edward Norton, che insieme giocano una partita al gatto col topo, chi vincerà tra i due, alla fine il gatto avrà la meglio?
Come spesso accade quando di mezzo c'è un triangolo amoroso, ci sono risvolti in cui il retto sorvegliante comincia a vedere che qualcosa gli sfugge dalle mani, come fare a riprendersi la sua vita?
John Curran costruisce il film come un giallo dai risvolti noir, tutti quanti abbiamo delle debolezze, ma quando queste vengono alla luce, è impossibile resistere, la dark lady di turno è Milla Jovovich che seduce letteralmente Mabry e se lo lavora in modo da ottenere quello che vuole, ossia la libertà del marito e diventa per lui una piccola spina nel fianco, incapace di sostenere questo clima di tensione alla fine cede, e sarà la fine...
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.