Passa ai contenuti principali

Stone

Questo si che è un bel film.
Innanzitutto abbiamo come protagonisti due pezzi da novanta, il magistrale Robert De Niro autentico veterano del grande schermo, e il giovane e altrettanto grande Edward Norton, in un film drammatico che sembra più un noir, e per completare il triangolo abbiamo anche Milla Jovovich che interpreta la moglie  di Gerard "Stone" Creeson, detenuto che sta richiedendo la libertà vigilata per uscire di prigione dopo l'omicidio dei suoi nonni e ha incendiato la loro casa.
L'uomo che dovrebbe aiutarlo ad uscire si chiama Jack Mabry, - un magistrale Robert De Niro - che ha una grande fede e senso dell'onore, anche se l'inizio del film lo vediamo come un marito violento, forse il tempo avrà cambiato qualche cosa...e questo il regista furbescamente non ce lo fa notare.
Abbiamo di fronte un film costruito come un noir dai risvolti drammatici, incentrato sul classico triangolo amoroso, formato da Gerard, sua moglie Lucetta  e Mabry, la moglie comincia pure a darla a Mabry pur di fare uscire di prigione il marito, ma questo è tutto manipolato da Gerard, che spinge sua moglie ad avere una relazione con il suo agente di sorveglianza, per inscenare un gioco psicologico dai risvolti drammatici.
Un filmone, uno di quei film in cui tutto non è come appare realmente, coaudiuvato da due grandissimi attori quali sono Robert De Niro e Edward Norton, che insieme giocano una partita al gatto col topo, chi vincerà tra i due, alla fine il gatto avrà la meglio?
Come spesso accade quando di mezzo c'è un triangolo amoroso, ci sono risvolti in cui il retto sorvegliante comincia a vedere che qualcosa gli sfugge dalle mani, come fare a riprendersi la sua vita?
John Curran costruisce il film come un giallo dai risvolti noir, tutti quanti abbiamo delle debolezze, ma quando queste vengono alla luce, è impossibile resistere, la dark lady di turno è Milla Jovovich che seduce letteralmente Mabry e se lo lavora in modo da ottenere quello che vuole, ossia la libertà del marito e diventa per lui una piccola spina nel fianco, incapace di sostenere questo clima di tensione alla fine cede, e sarà la fine...
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…