Passa ai contenuti principali

Di Nuovo in gioco

E siamo giunti a recensire un film che trovo coinvolgente, eh si il grande Clint Eastwood torna a fare l'attore con un film in cui è un allenatore che ha qualche problema alla vista, a dargli una mano è sua figlia che oltre ad avere un occhio di lince, riesce a capire il talento di giocatori per inserirli in squadra.
Sarà anche un occasione in cui padre e figlia si conosceranno meglio e dissiperanno i loro problemi, e chissà ci sarà un nuovo amore anche per Mickey - una brava Amy Adams - per un giovane giocatore.
I contrasti tra padre e figlia non mancheranno, ma grazie a loro riusciranno a chiarirsi e a collaborare, nonostante le critiche di alcuni colleghi che storcono il naso di fronte alla figlia.
Un film davvero coinvolgente, girato abbastanza bene e recitato strabenissimo da un sempre unico Clint Eastwood, che nonostante come stile recitativo non è che mi piace molto - lo apprezzo di più come regista in cui ha lasciato il segno nella storia del cinema - qui invece da una interpretazione sincera e ispirata, lo stesso fa Amy Adams, dimostrando una maturità recitativa coinvolgente, riuscendo a fare immedesimare il pubblico con il suo personaggio.
Justin Timberlake fa il suo onesto lavoro, abbiamo comunque un film sportivo capace di parlare al pubblico, non è superficiale, sapete di quei film tutti sentimenti che non ti lasciano nulla dentro, anzi  possiamo dire che è il suo esatto opposto.
Non solo l'arrivo di Mickey salva il posto a suo padre, ma riesce a fare ingaggiare giocatori molto più abili dando alla squadra di baseball parecchie vittorie, nonostante il parere contrario dei suoi colleghi.
Apparte questo è un regista che è capace di parlare al suo pubblico con una storia semplice, uno script diretto e lucido, che colpisce al cuore dall'inizio alla fine, senza aver bisogno di una scatola gigante di fazzoletti, quello che ha da dire riesce a dirlo con scene dirette.
Un filmone, che riporta dopo tanto tempo Clint Eastwood davanti la macchina da presa, e solo per questo ne vale la pena di guardarlo.
Voto: 7




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.