Passa ai contenuti principali

Freerunner - Corri o muori

Nel cinema d'azione ci sono certe regole da seguire, e se si sgarra si finice per far sbrodolare la pentola senza riuscire a tenerla sul fuoco per così dire, è il caso di Freerunner, che potrebbe avere tutte le carte in regola per una buona riuscita: tensione e coinvolgimento pubblico in poltrona, ma questo ahimè non succede. Ci troviamo davanti a un giocattolone mal riuscito, una specie di videogioco filmico dove ci sono vecchi, che si divertono a muovere le pedine e i partecipanti a questo "gioco" devono far di tutto per correre e evitare così di lasciarci la pelle.
Io non vedo quale divertimento ci può essere in un film dove gli uomini sono usati come topini in gabbia, e manovrati da mani più grandi di loro solo per puro piacere.
Cioè se almeno il regista lo spiegasse il motivo, invece ci troviamo davanti a un film senza nè capo e nè coda a vedere sti poveracci che corrono come pazzi da un punto all'altro per salvarsi le chiappe, poi alla fine qualcosa succede, ma è troppo poco.
Il film fa acqua da tutte le parti e porta lo spettatore a una sola prospettiva: la noia.
Il cinema d'azione ha le sue regole, e se non vengono rispettate succede che il risultato è sempre un pastrocchio senza arte ne parte...non capisco perchè agire in questo modo; il regista inoltre non sente suo il progetto: è incapace di imbastire una storia e renderla coerente, gli attori d'altro canto fanno il loro lavoro, ma la recitazione non è il must di questo film che ha più pregi che difetti.
Peccato perchè aveva delle potenzialità fantastiche, se avessero approfondito certi aspetti come la motivazione, il perchè sono stati coinvolti in questo gioco, quali sono i motivi per cui partecipano etc etc etc...
Mi dispiace, un film che non lascia nulla e che non aggiunge nulla.
Voto: 4


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.