Passa ai contenuti principali

28 giorni dopo

Tutto inizia in un laboratorio di ricerca dove sono isolate delle scimmie infette, in questo laboratorio entrano degli animalisti per liberare le scimmie, causando l'epidemia di virus contagiosissima che trasforma le persone in zombie...l'epidemia si diffonde a macchia d'olio in inghilterra, senza possibilità di fermare in qualche modo il virus.
Poi il film comincia davvero, e c'è un ragazzo disteso su un letto d'ospedale, esce dall'edificio, e trova la devastazione più totale, nel suo cammino incotra altre persone che sono scampate dal virus, sarà una questione di vita o di morte salvarsi la vita.
Un film angosciante, allucinante, dove l'elemento di paura si concentra sull'apocalisse di un epidemia incontrollabile e imbattibile, in cui non c'è possibilità di fuga.
Danny Boyle pur non essendo un regista di film horror, ha la capacità di farti entrare nella pellicola e di inchiodarti alla poltrona, non è da tutti riuscire a fare una cosa del genere quando si dirige un film.
Un film dall'impatto incredibile, che risulta uno dei migliori horror del 21esimo secolo, sia stilistsicamente, sia per quanto riguarda i contenuti, nulla è lasciato al caso, e tutti possono diventare al tempo stesso, vittime e carnefici, e qui l'istinto di sopravvivenza umano esce in tutto il suo egoismo, soprattutto nelle scene in cui il gruppo, sta con i militari, lì esce tutto lo schifo degli esseri umani.
Danny Boyle conosce bene che l'argomento del film non è del tutto originale, ma è capace di trascendere le altre opere dello stesso genere, riuscendo a dirigere un film nuovo, unico, inquietante.
Si questo film inquieta perchè crea uno stato di panico incombente - cosa che manca ad altre pellicole recenti dello stesso genere - la paura dell'ignoto, di non riuscire a sopravvire e cosa si nasconde vicino a noi, sono talmente col fiato sul collo, che è impossibile non cercare di salvarsi il culo.
E questo film sottolinea benissimo questi stati d'animo.
Voto: 8


Commenti

  1. Un film che nella sua "non-originalità" è diventato un cult. Speriamo che danny sappia ritornare a questi fasti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo spero anch'io, anche se l'ultimo film non è niente male, In trance, prossimamente lo dovrei recensire :)

      Elimina
  2. Per me si slava solo la seconda parte, sicuramente più interessante. Comunque a suo modo un cult.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.