Passa ai contenuti principali

Reality

Il cinema ha sempre criticato la tv, soprattutto in america con registi come Gus Van Sant e Peter Weir che ne hanno fatto un ritratto non proprio lusinghiero, ora ci prova anche l'italia: con Reality di  Matteo Garrone.
Il potere della televisione, è un potere che non può essere tenuto al guinzaglio, ed è capace di influenzare la realtà che ci circonda, e farci fare stupidaggini.
L'italia dei reality show, di gente che invece di pensare a cosa è giusto, sogna di diventare qualcuno apparendo in televisione; gente illusa, che la tv può far diventare tutti ricchi e beati, quando la realtà racconta ben altro.
Il protagonista di Reality si mette in testa di partecipare al grande fratello, e non ci riesce nemmeno sua moglie a fargli cambiare idea, neanche quando prende le cose di casa per darle ai poveri, perchè così crede che lo prendono al grande fratello.
La vita vista dietro l'occhio invadente della tv, con i suoi lustrini e le sue illusioni, che sono molto diversi dalla realtà di tutti giorni, questa ossessione di apparire in televisione è narcisistica e illusoria, perchè guardando dentro il cuore della gente si scopre realmente quello che sei, la tv da solo immagine che viene modificata per confezzionare il pacchetto e regalarlo al pubblico.
Andy Warhol diceva, un giorno saremo tutti famosi per 15 minuti, si ma sono estremamente pochi, perchè per entrare nel mondo dello spettacolo ci vuole talento e stoffa, e il grande fratello non presenta gente con talento, presenta gente che vuole apparire in televisione e basta.
Reality è il racconto di un illusione, di un sogno che non si materializza mai, ma solo nella testa del suo protagonista.
Il film è satirico e Matteo Garrone, riesce a raccontare con prespicacia la superficialità della realtà quotidiana italiana, tutti al grande fratello per diventare un fenomeno da barraccone e vivere in una realtà fasulla, un reality appunto, perchè la televisione edulcolora la realtà facendola diventare irreale.
In conclusione, un film da non perdere, perchè racconta senza peli sulla lingua, lo stato attuale e invadente della televisione nella società italiana.
Voto: 8


Commenti

  1. uno dei film più italiani belli degli ultimi anni, aggiungerei che chi lo perde deve portare la giustificazione e manderemo la visita fiscale:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.