Passa ai contenuti principali

The Lone Ranger

Squadra vincente non si cambia.
Così Johnny Depp e Gore Verbinski tornano a lavorare insieme, a sostenere questa loro ennesima collaborazione è Jerry Bruckeimer, già artefice del successo de I pirati dei caraibi.
Qui affrontano la versione cinematografica di una serie tv di grande successo, che è cominciata addirittura alla radio, per poi continuare con i cartoni animati.
A raccontare la storia è Tonto, che ormai è diventato un attrazione  da museo ad un bambino che si è fermato davanti a lui, e la storia prosegue per flashback di come ha conosciuto il cavaliere solitario, e di come è cominciata la loro avventura insime, cominciata dentro un treno, in cui si sono conosciuti.
Dentro il treno c'era un feroce cannibale, che è stato liberato dai suoi scagnozzi senza che i nostri potessero fare nulla non farlo scappare, ma ad essere arrestato è tonto.
Tornato a casa, suo fratello lo nomina texas ranger, ma vengono condotti con l'inganno in una trappola, dove saranno assaltati dalla banda di Cavendish, che uccide Dan il fratello di John; sarà proprio Tonto a far tornare John, pur con qualche riserva, grazie all'apparizione di un cavallo bianco, che per gli uomini della sua tribù significa che uno spirito chiede di tornare sulla terra.
Così raggiungono un bordello, dove Red, dice che Dan e collins hanno parlato di una moneta d'argento maledetta, contemporaneamente, la banda di Cavendish travestita da indiani assalta le frontiere texane,  facendo ricadere la colpa sugli indiani, ma John e Tonto, ne uccidono due mettendo in fuga il terzo.
Poi si racconta la storia di Tonto, di come due lo hanno preso in giro in cambio di un orologio da due soldi promettendo l'oro, ma si guardano bene da rivelargli le cose, e massacrano l'intero villaggio sparandogli in testa; ma tonto rimane vivo nonostante il colpo subito.
I due si mettono sulle tracce di Cavendish, ma mentre Tonto, lo vuole fare fuori, John invece vuole portarlo in tribunale, lo sceriffo della contea, condanna a morte John...e meno male che nelle vicinanze c'è Tonto...
Cambio franchise, ma lo spettacolo, l'azione e il divertimento sono sempre presenti, Johnny Depp ormai come attore è una garanzia di successo vincente.
Nonostante ciò direi che il film che nonostante non abbia avuto successo al botteghino  non è poi così male, c'è avventura e divertimento a non finire, e nonostante sia un opera mainstream, è capace di far divertire il pubblico.
Non un semplice film di cassetta, ma un opera arguta e frizzante che non stanca mai, merito di Gore Verbinski, ma anche dello straordinario cast di attori, compreso Arnie Hammer.
Il film merita una rivalutazione, perchè ha una regia brillante e una recitazione intensa e coinvolgente, le scene sono acute e accattivanti e anche la storia lo è, stiamo parlando di un film d'avventura, che anche davanti ai popcorn aggiunge quel qualcosa in più che al cinema si chiede, ovvero il divertimento.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.