Passa ai contenuti principali

The Lone Ranger

Squadra vincente non si cambia.
Così Johnny Depp e Gore Verbinski tornano a lavorare insieme, a sostenere questa loro ennesima collaborazione è Jerry Bruckeimer, già artefice del successo de I pirati dei caraibi.
Qui affrontano la versione cinematografica di una serie tv di grande successo, che è cominciata addirittura alla radio, per poi continuare con i cartoni animati.
A raccontare la storia è Tonto, che ormai è diventato un attrazione  da museo ad un bambino che si è fermato davanti a lui, e la storia prosegue per flashback di come ha conosciuto il cavaliere solitario, e di come è cominciata la loro avventura insime, cominciata dentro un treno, in cui si sono conosciuti.
Dentro il treno c'era un feroce cannibale, che è stato liberato dai suoi scagnozzi senza che i nostri potessero fare nulla non farlo scappare, ma ad essere arrestato è tonto.
Tornato a casa, suo fratello lo nomina texas ranger, ma vengono condotti con l'inganno in una trappola, dove saranno assaltati dalla banda di Cavendish, che uccide Dan il fratello di John; sarà proprio Tonto a far tornare John, pur con qualche riserva, grazie all'apparizione di un cavallo bianco, che per gli uomini della sua tribù significa che uno spirito chiede di tornare sulla terra.
Così raggiungono un bordello, dove Red, dice che Dan e collins hanno parlato di una moneta d'argento maledetta, contemporaneamente, la banda di Cavendish travestita da indiani assalta le frontiere texane,  facendo ricadere la colpa sugli indiani, ma John e Tonto, ne uccidono due mettendo in fuga il terzo.
Poi si racconta la storia di Tonto, di come due lo hanno preso in giro in cambio di un orologio da due soldi promettendo l'oro, ma si guardano bene da rivelargli le cose, e massacrano l'intero villaggio sparandogli in testa; ma tonto rimane vivo nonostante il colpo subito.
I due si mettono sulle tracce di Cavendish, ma mentre Tonto, lo vuole fare fuori, John invece vuole portarlo in tribunale, lo sceriffo della contea, condanna a morte John...e meno male che nelle vicinanze c'è Tonto...
Cambio franchise, ma lo spettacolo, l'azione e il divertimento sono sempre presenti, Johnny Depp ormai come attore è una garanzia di successo vincente.
Nonostante ciò direi che il film che nonostante non abbia avuto successo al botteghino  non è poi così male, c'è avventura e divertimento a non finire, e nonostante sia un opera mainstream, è capace di far divertire il pubblico.
Non un semplice film di cassetta, ma un opera arguta e frizzante che non stanca mai, merito di Gore Verbinski, ma anche dello straordinario cast di attori, compreso Arnie Hammer.
Il film merita una rivalutazione, perchè ha una regia brillante e una recitazione intensa e coinvolgente, le scene sono acute e accattivanti e anche la storia lo è, stiamo parlando di un film d'avventura, che anche davanti ai popcorn aggiunge quel qualcosa in più che al cinema si chiede, ovvero il divertimento.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.