Passa ai contenuti principali

L'armata delle tenebre


Ragazzi eccocci giunti a recensire l'episodio finale della trilogia di Evil Dead; con Ash che si ritrova trasportato nel passato e l'unico modo per tornare nella sue epoca è trovare il necronomicon.
Lo devo dire, eh si...Bruce Campbell è il mio idolo, si perchè Ash, oltre ad essere cazzuto, non è il classico eroe buonista che salva il mondo intero, no, lui è quello che ti spacca il culo per poter tornare alla stabilità o per meglio dire, alla normalità.
Il capitolo finale di una trilogia ormai entrata nel mito di tutti gli appassionati di cinema di genere e di cinema in particolare, colgo l'occasione per sottolineare che questa trilogia l'ho aggiunta tra i miei cult movies.
La regia è impeccabile, Sam Raimi da il meglio di se, c'è avventura, azione, le scene horror sono ridotte, ma c'è molta tenzione, il bello è che c'è anche divertimento, a palate, e non divertimento da farti morire dalle risate, ma divertimento nel senso che il film riesce a coinvolgerti, c'è magia, c'è un libro demoniaco che deve essere trovato per poter tornare nel suo mondo, ma allo stesso tempo combattere contro le forze del male e soprattutto contro un sortilegio lanciatogli da una strega.
Così si mette in cammino, e rompendo uno specchio si trova di fronte l'Ash malvagio, ma lui riesce ad eliminarlo con un colpo di fucile e lo fa a pezzi con la motosega, non appena trova il libro si accorge che ce ne sono tre, e appena trova quello giusto...si dimentica le parole esatte...ma appena ci riesce...
Beh ve lo lascio immaginare, un film che chiude egregiamente una trilogia entrata ormai nel mito, Sam Raimi chiude alla grande con un film spettacolare che non rinuncia all'ironia e al ritmo, ma anche a scene  che colpiscono per la loro intensità.
Qui ci sono molti soldi per la produzione, lo si vede dalla cura con cui è stato girato e dagli effetti speciali utilizzati, cosa che non ha intaccato il valore della trilogia, anzi semmai l'ha ampliata.
In conclusione, un cultissimo da non perdere.
Voto: 7


Commenti

  1. Un classico, un cult, uno dei film più divertenti della storia. In stile Raimi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.