lunedì 16 settembre 2013

L'armata delle tenebre


Ragazzi eccocci giunti a recensire l'episodio finale della trilogia di Evil Dead; con Ash che si ritrova trasportato nel passato e l'unico modo per tornare nella sue epoca è trovare il necronomicon.
Lo devo dire, eh si...Bruce Campbell è il mio idolo, si perchè Ash, oltre ad essere cazzuto, non è il classico eroe buonista che salva il mondo intero, no, lui è quello che ti spacca il culo per poter tornare alla stabilità o per meglio dire, alla normalità.
Il capitolo finale di una trilogia ormai entrata nel mito di tutti gli appassionati di cinema di genere e di cinema in particolare, colgo l'occasione per sottolineare che questa trilogia l'ho aggiunta tra i miei cult movies.
La regia è impeccabile, Sam Raimi da il meglio di se, c'è avventura, azione, le scene horror sono ridotte, ma c'è molta tenzione, il bello è che c'è anche divertimento, a palate, e non divertimento da farti morire dalle risate, ma divertimento nel senso che il film riesce a coinvolgerti, c'è magia, c'è un libro demoniaco che deve essere trovato per poter tornare nel suo mondo, ma allo stesso tempo combattere contro le forze del male e soprattutto contro un sortilegio lanciatogli da una strega.
Così si mette in cammino, e rompendo uno specchio si trova di fronte l'Ash malvagio, ma lui riesce ad eliminarlo con un colpo di fucile e lo fa a pezzi con la motosega, non appena trova il libro si accorge che ce ne sono tre, e appena trova quello giusto...si dimentica le parole esatte...ma appena ci riesce...
Beh ve lo lascio immaginare, un film che chiude egregiamente una trilogia entrata ormai nel mito, Sam Raimi chiude alla grande con un film spettacolare che non rinuncia all'ironia e al ritmo, ma anche a scene  che colpiscono per la loro intensità.
Qui ci sono molti soldi per la produzione, lo si vede dalla cura con cui è stato girato e dagli effetti speciali utilizzati, cosa che non ha intaccato il valore della trilogia, anzi semmai l'ha ampliata.
In conclusione, un cultissimo da non perdere.
Voto: 7


2 commenti:

  1. Un classico, un cult, uno dei film più divertenti della storia. In stile Raimi.

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...