Passa ai contenuti principali

Oscuri Presagi

Un Thriller anomalo.
Nicolas Roeg è un regista che mi stuzzica il palato, soprattutto dopo che ho visto due dei suoi film, questo è il terzo che vedo e che viene dopo A Venezia, un dicembre Rosso Shocking e Il Lenzuolo Viola nel quale recitava la sua futura moglie Theresa Russell coprotagonista di questo thriller ricco di sorprese.
Si è ricco di sorprese, sorprese che arrivano quando meno te lo aspetti, in un film girato benissimo da un regista che sa come costruire una trama inquietante.
Un film che non può essere classificato come un semplice Thriller, ma qualcosa di più: innanzitutto abbiamo una sottotrama sovrannaturale, il che non guasta mai, e devo dire che adoro i film con le sottotrame, una coppia è in vacanza, ma ormai è in crisi da tempo, ma basta un incidente purchè il marito ci resta secco, ma è davvero così o si nasconde altro?
Io credo che Nicolas Roeg è un regista da scoprire e rivalutare innanzitutto perchè è capace di tenere alta la tensione e di inquietare con pochissime e semplici scene, bravissima anche Theresa Russell in questo ruolo difficile e complesso di una moglie che cerca di scoprire cosa si nasconde dietro la morte del marito, ma ahimè quando deve decollare si sgonfia subito aggiungendo misticismo che non centra niente facendo in modo che il film si perda laddove deve essere avvincente e coinvolgente.
Insomma questo marito mezzo morto o meno ha fatto tutto per far tornare la moglie da lui?
Chi lo sa, la cosa fondamentale è che Roeg stavolta sbaglia  quando deve dare il meglio di se - di cui è capace di fare guarda i due titoli recensiti prima di questo - perchè se la prima parte del film avvince e incolla lo spettatore alla poltrona con scelte azzeccatissime, nella seconda parte perde aggiungendo misticismo e moralismo insieme, l'origine letteraria peggiora ulteriormente le cose, perchè se da una parte il regista è capace di coinvolgere il pubblico, da un altra distoglie l'attenzione dalla trama adducendo a buonismo che con la trama del film non centra niente.
In conclusione, il film ha tutte le carte in tavola per essere grandissimo, ma il regista non vuole osare più di tanto, ma sappiamo che quando osa è capace di fare grandi cose, chissà perchè con questo film non ha voluto farlo.
Voto: 6 e 1/2 e sono stata buona :)


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.